Quotidiani locali

"Un passo dal cielo": terminate le riprese a Borca

La felicità delle tante comparse bellunesi selezionate per la fiction di Rai 1: "Siamo stati coccolati da tutti"

BORCA. Si è conclusa ieri la "tre giorni" di Borca dedicata alla fiction di RaiUno “Un passo dal cielo”. Nella quarta edizione, che andrà in onda in autunno, ci sarà una puntata girata interamente all'interno dell'ex villaggio Eni di Borca. L'area interessata è quella del campeggio, nel punto più alto, caratterizzata da una serie di costruzioni fisse a tetto spiovente che rappresentano una peculiarità del panorama architettonico locale.

Probabilmente per questo motivo è stata selezionata dalla produzione della Lux Vide di Roma come teatro di una puntata in cui protagonista sarà una comunità all'interno della quale si annideranno presto misteri e segreti. Comunità ricreata grazie all'ausilio di comparse locali, reclutate prima attraverso un casting e successivamente con una serie di convocazioni "a chiamata". Si è formata così la "grande squadra" cadorina, composta da oltre cinquanta persone, che per tre giorni ha supportato nelle riprese gli attori protagonisti: dalla squadra di Polizia capitanata dal commissario Nappi e dal fido collaboratore Huber, alla Forestale che presenterà la grande novità della nuova edizione con l'addio di Terence Hill e la new entry Daniele Liotti che ne prenderà il posto.

Gli attori della fiction durante una...
Gli attori della fiction durante una pausa

«Siamo stati coccolati dalla produzione in maniera straordinaria», commenta Samuele Hofer, di Valle, una delle comparse reclutate dalla produzione , «sono stati davvero tutti molto gentili, anche gli attori protagonisti che non hanno mai lesinato consigli e sorrisi». Di tutto rispetto anche il compenso: 86 euro al giorno che, per coloro che hanno prestato la loro collaborazione per tutti e tre i giorni di registrazione, fanno oltre 250.

Samuele Hofer di Valle con gli attori
Samuele Hofer di Valle con gli attori

«Abbiamo girato una serie di scene anche dieci volte, noi comparse ci siamo limitate a camminare su e giù per il villaggio», continua Hofer, «la pioggia ha rallentato le riprese costringendo la troupe a lunghe pause; ma è stato comunque tutto molto piacevole. Siamo stati impegnati dalle 7.30 del mattino fino alle 17. Alle 13 scattava l'ora del pranzo, offerto dalla produzione e servito da un catering sotto un tendone allestito per l'occasione». Pioggia caduta anche ieri nell'ultimo giorno di lavoro, pur senza frenare la produzione che ha girato ugualmente le ultime scene prima di rientrare in Alta Pusteria tra Brunico, San Candido e Lago di Braies.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista