Quotidiani locali

Variante di Tai: in tunnel da Galghena all’azienda Garna
viabilità

Variante di Tai: in tunnel da Galghena all’azienda Garna

Pieve di Cadore. Presentato il progetto: 1.075 metri tra due rotonde, costerà 32,5 milioni di euro

PIEVE DI CADORE. È stata presentata ieri, al termine del consiglio comunale di Pieve di Cadore, dall’ingegner Pietro Carlucci dell’Anas, la proposta progettuale di variante della Strada Statale n° 51 di Alemagna, relativa all’attraversamento del centro abitato di Tai. «L’Alemagna», ha affermato Carlucci, presenta ben 42 punti critici. L’Anas ha deciso di intervenire su quelli di Longarone, Tai, Valle, Borca e San Vito, per finire con un tunnel a Zuel». Il progetto presentato ieri sera è il frutto dell’incontro di agosto a Belluno e del successivo incontro del 14 ottobre tra il sindaco di Pieve Maria Antonia Ciotti e il direttore generale Anas, arrivato in Cadore per visionare il percorso previsto dal progetto.

«Prima di allora», ha spiegato il tecnico, «esisteva una proposta più breve che, iniziando nelle vicinanze del Bar Ragno, prevedeva l’uscita dietro al salone Svaluto, all’inizio di via Cortina, tagliando fuori solo il centro abitato di Tai. L’ipotesi progettuale nata ad agosto», ha aggiunto Carlucci, «ha recepito i suggerimento del Comune di Pieve, prevedendo l’allungamento del tunnel, che sarà di categoria C2, con corsie di 3,5 metri e dove la velocità massima sarà di 70 chilometri all’ora, fino a 932 metri, portando la lunghezza complessiva della variante a 1075 metri. All’ingresso dalla parte del Bar Ragno, in località Galghena, è prevista la realizzazione di una rotatoria che consentirà l’accoglimento del traffico proveniente sia dal centro di Tai, che dall’incrocio della strada statale 51bis proveniente da Auronzo. Questa rotatoria avrà un raggio esterno di 39 metri ed uno interno di 32,50».

Il tunnel che toglierà il traffico automobilistico dal centro abitato di Tai, per chi arriva dalla pianura, inizierà tra il Bar Ragno e la casa di Lino De Bon, per terminare subito dopo l’azienda di marmi Garna, a 70 metri dall’attuale Colonia di Montagnana. Qui, come previsto da Codice della strada, ci sarà un’altra rotonda, che avrà le stesse caratteristiche di quella di Galghena.

«In questo caso», ha proseguito Carlucci, «la rotonda che sarà realizzata dove si trova attualmente la Colonia, si raccorderà all’attuale Statale di Alemagna che porta a Cortina e con un altro raggio risolverà il problema dello svincolo verso il paese di Nebbiù. Il costo per la costruzione della variante sarà di 32,5 milioni di euro, 11,3 milioni in più di quanto sarebbe costata la versione più corta. Come per altre situazioni lungo la strada di Alemagna in corso di definizione», ha proseguito l’ingegnere, «anche in questo caso la volontà di Anas è quella di cercare soluzioni condivise dal territorio che accrescano la sostenibilità ambientale della statale n° 51 e ne valorizzino i centri abitati, garantendo la fluidità della circolazione stradale. Nel caso di Tai», ha concluso l’ingegnere Carlucci, «compatibilmente con le risorse disponibili, si è scelto di intervenire con una ipotesi progettuale più lunga di 230 metri di

quanto previsto inizialmente, allungando la galleria e ridisegnando la viabilità di raccordo. Ora, da domani, si passerà alla stesura del progetto definitivo, che una volta approvato sarà sottoposto alla Conferenza dei servizi per la sua approvazione definitiva».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare