Quotidiani locali

Cadore, il vento scoperchia una palazzina

Danni a Vallesella (Domegge) e Auronzo, dove una pianta ha bloccato la strada

DOMEGGE. Una pianta ha bloccato la statale Carnica, una casa si è scoperchiata. Conseguenze del vento, che ieri ha sferzato la provincia, specie nella parte alta. Due folate violente hanno causato danni e richiesto l’intervento dei vigili del fuoco. A Vallesella, frazione di Domegge, si è scoperchiata una casa. Il vento ha fatto sollevare le lamiere del tetto di una palazzina da una decina di appartamenti. Tre sono stabilmente abitati, gli altri sono seconde case di turisti.

L’allarme ai vigili del fuoco è arrivato alle 15.30, da parte di un vicino che aveva visto il tetto sollevarsi. Sul posto sono andate le squadre di Pieve di Cadore, che hanno operato per oltre due ore per mettere in sicurezza l’edificio. I pompieri hanno tagliato le lamiere pericolanti e hanno messo dei nylon per coprire la parte del tetto rimasta scoperta. C’è stato qualche disagio per i proprietari, ma nessuno ha dovuto lasciare il proprio appartamento.

Poco prima, attorno alle 13, il vento aveva sradicato una pianta fra Cima Gogna e Auronzo. L’albero, di alto fusto, si è schiantato sulla statale 52 mettendosi di traverso e per le auto è stato impossibile passare per diverso tempo. Traffico bloccato, dunque, mentre i vigili del fuoco di Santo Stefano intervenivano per tagliare la pianta e rimuovere tronco e

rami dalla strada.

I vigili del fuoco sono intervenuti con tre mezzi e sono stati coadiuvati da personale dell’Anas. La pianta è caduta sulla strada attorno alle 13 e c’è voluto parecchio tempo per rimuoverla completamente e ripristinare il transito lungo la statale.

Alessia Forzin

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista