Quotidiani locali

Rotto il tubo del gas: domenica di passione per l'Alemagna

La ditta che fa i sondaggi per i lavori alla frana di Acquabona ha danneggiato la condotta. Traffico deviato sul Tre Croci 

CORTINA. Fuga di gas: Alemagna chiusa per tutta la giornata di domenica con traffico deviato verso Auronzo e Cortina raggiungibile attraverso il passo Tre Croci. La statale è stata riaperta nel corso della notte a senso unico alternato.

La cronaca. Durante un sondaggio, in vista dei lavori per la messa in sicurezza della frana di Acquabona, il trapano da carotaggi utilizzato dalla ditta che lavora per conto dell’Anas ha danneggiato la condotta del metano da venti centimetri di diametro e in alta pressione, facendo fuoriuscire un notevole quantitativo di gas. Una mattinata meravigliosa per i turisti d’inizio estate: proprio loro sono stati tra i primi ad accorgersene. Una persona di passaggio, che a bordo della sua macchina evidentemente senza l’impianto di aria condizionata ha sentito forte e chiaro l’inconfondibile odore del carburante, si è spontaneamente fermata a un posto di controllo dei carabinieri avvertendo i militari e, di conseguenza, i vigili del fuoco.

L'intervento. Subito chiusa per motivi di sicurezza la statale 51, all’altezza del chilometro 97 tra Acquabona e Dogana Vecchia e traffico dirottato verso Auronzo, tramite un’apposita segnaletica piazzata già a Ponte nelle Alpi e poi a Tai di Cadore, che inizialmente riportava anche una proiezione sull’eventuale orario di riapertura. In un primo momento, l’orario indicato era quello delle 16, ma le previsioni non sono state rispettate e le ipotesi di apertura si sono spostate prima alle 19 poi alla tarda serata. Sbarrata anche la pista ciclabile, che corre parallela alla statale, ma in questo caso i ciclisti hanno potuto utilizzare un vecchio tracciato sulla sponda destra del Boite per superare il punto in cui è avvenuto il guasto e rientrare sul tracciato originario poche centinaia di metri dopo.

leggi anche:



Le conseguenze. Traffico in difficoltà in tutto l’alto Bellunese, tenuto conto anche della chiusura del passo Falzarego (oltre a Campolongo e Valparola) per la prima edizione della passeggiata ciclistica in montagna Dolomites Bike Day, dalle 10 alle 15. Sul posto, sono arrivati, oltre a carabinieri e vigili del fuoco di Cortina con i volontari di San Vito (10 persone), i tecnici di Anas e Bim Belluno Infrastrutture, che si sono messi al lavoro, per cercare di applicare delle macchine tamponatrici a monte e a valle della perdita, in maniera da creare una sorta di by-pass, per scavalcare la falla. I monitoraggi sono proseguiti, in maniera da individuare il momento migliore per riparare il guasto. Per quanto riguarda il metano, per tutto il pomeriggio Cortina è stata alimentata ma nel corso della notte si è esaurito quello rimasto nelle condutture. Si è lavorato tutta la notte alla luce delle fotoelettriche per riuscire a creare un bypass e poter riaprire la strada.
 

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista