Quotidiani locali

Sospirolo, fototrappole contro i vandali dei cartelli

Sindaco infuriato dopo il secondo episodio di danneggiamento: «Buttare i soldi non mi va»

SOSPIROLO. Due volte in quindici giorni. A Sospirolo c’è qualcuno che pare si stia divertendo a danneggiare le tabelle della segnaletica stradale, ma adesso il sindaco Mario De Bon ha perso la pazienza. Il doppio episodio di vandalismo è avvenuto in località Col Molin, su una strada secondaria di collegamento tra Oregne e Gron. Come testimonia la foto postata dal primo cittadino sospirolese, il cartello indicante la velocità massima di 40 km orari è completamente piegato, mentre il segnale di pericolo sovrastante è girato in direzione contraria.

Impossibile pensare ad un colpo involontario inferto da un mezzo ingombrante di passaggio. Il comune si è visto così costretto ad una seconda sostituzione a stretto giro di posta, e comunque c’è sempre un esborso economico di cui tener conto. Ora si pensa ad utilizzare le fototrappole per individuare il vandalo. «Sono infastidito», spiega lo stesso De Bon, che ha denunciato l’accaduto con un post su Facebook, «anche perché buttare via 50 euro ogni volta proprio non mi va. Visto l’andazzo piazzeremo delle fototrappole, in modo da individuare l’autore di questi gesti. In altri punti, sempre attorno alla medesima zona, abbiamo trovato altre tabelle girate. Il sistema di controllo utilizzato per scovare i furbetti dei rifiuti funziona molto bene, così adesso lo utilizzeremo per stanare il colpevole».

De Bon poi prosegue: «Non cambia nulla se si tratta di una strada poco trafficata. Noi la segnaletica stradale la paghiamo come nuova; un conto è doverla
sostituire per cause fortuite o deperimento, un altro perché qualcuno si diverte a comportarsi così. Prenderemo provvedimenti, e se ci sarà ancora un episodio del genere, la prossima sostituzione e le precedenti verranno rimborsate da questo soggetto».

Gianluca Da Poian

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista