Quotidiani locali

Ok al completamento del biathlon a Palafavera

Val di Zoldo, approvato dalla giunta il progetto definitivo da 450 mila euro Varato all’unanimità lo Statuto comunale. De Pellegrin: ha prevalso il buonsenso

VAL DI ZOLDO. Via libera al corposo progetto per completare lo stadio del biathlon di Palafavera, partendo dall’accoglimento delle indicazioni della Fisi per garantire lo svolgimento in sicurezza delle gare.

La delibera esposta all’albo con cui la giunta approva il progetto definitivo indica come prioritaria una serie di interventi sulla sicurezza, con la realizzazione delle barriere per fermare i colpi e l’adeguamento delle piazzole di tiro. Si partirà da qui, dunque, ma intanto la giunta ha messo nero su bianco il progetto ben più ampio per completare la struttura sportiva avviata dal vecchio Comune di Zoldo Alto, che prevede un importo totale di 450 mila euro.

Un nuovo passo avanti, insomma, per il nuovo Comune di Val di Zoldo, nato dalla fusione tra Forno di Zoldo e Zoldo Alto, che nei giorni scorsi ha approvato lo Statuto comunale. Un passaggio salutato con soddisfazione dal sindaco Camillo De Pellegrin.

«L’impegno dell’amministrazione era quello di raggiungere una votazione unanime», spiega De Pellegrin, commentando l’esito della seduta del consiglio comunale che ha dato il via libera allo statuto «e, a seguito del lavoro svolto da un gruppo di consiglieri di maggioranza e di minoranza, ci siamo riusciti. Il lavoro ha portato a reciproche concessioni come è giusto che sia per un documento che rappresenta tutta la comunità».

«Non ci sono stati», continua Camillo De Pellegrin, «né vinti né vincitori. Semplicemente è prevalso il buon senso. Ora mancano lo stemma e il gonfalone: le tempistiche per ottenere il riconoscimento di quanto presentato sono dell’ordine di un anno. Del resto se si vuole un riconoscimento queste sono le modalità».

Sotto i riflettori non ci sono comunque solo le questioni formali, ma anche le opere pubbliche. «La nostra attenzione è rivolta ai lavori», spiega infatti De Pellegrin, «con particolare attenzione alla manutenzione del territorio guardando le reali priorità. Alcuni sono in via di svolgimento, altri cominciano a giorni prima dell’inverno».

Ecco allora, in pieno svolgimento, le asfaltature nelle frazioni per un importo di 90 mila euro; i lavori al marciapiede di Dozza per circa 12 mila euro; il rifacimento di due ponti in legno di due ponti da Pecol a Mareson per un costo di 18 mila euro; un ponte in legno a Castelaz nella zona del pic-nic per un costo do di 5 mila euro.

A breve verrà ultimato
il marciapiede che, dallo stadio del ghiaccio porta al parco giochi, con la relativa illuminazione pubblica. L’ammontare della spesa è di 11 mila euro. A Riva da Camp verrà ultimato un muro di contenimento per evitare che d’inverno si formi il ghiaccio sulla strada. (ma. a.)

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro