Quotidiani locali

val di zoldo 

In arrivo i cartelli stradali col nuovo nome del Comune

VAL DI ZOLDO. Cartellonistica in via di completamento. Un po’ alla volta si vedono cambiamenti alla cartellonistica sia direzionale che alle frazioni. Cambia il colpo d’occhio, la gente si ferma per...

VAL DI ZOLDO. Cartellonistica in via di completamento. Un po’ alla volta si vedono cambiamenti alla cartellonistica sia direzionale che alle frazioni. Cambia il colpo d’occhio, la gente si ferma per constatare questi cambiamenti che derivano dalla fusione dei due ex comuni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo. «La modifica della cartellonistica», spiega il sindaco di val di Zoldo Camillo De Pellegrin, «si è resa necessaria per adeguarla al nuovo soggetto nato dalla fusione. A fine lavoro, spariranno sia i cartelli indicanti Zoldo Alto che quello indicante Forno di Zoldo. Quest’ultimo, infatti, resterà Forno e non Forno di Zoldo. Importante è aver mantenuto la traduzione in “ladino” delle frazioni cosa che, al di là dell’affettività della comunità per il proprio dialetto, riveste anche una valenza turistica. Il lavoro non è stato semplice anche perché, con l’occasione, abbiamo aggiustato alcuni perimetrazioni».

Tutto l’intervento sia di lavoro che dei cartelli, «ammonta a 50 mila euro. Purtroppo non sono stati pagati con un contributo straordinario come, inizialmente, pensavamo», precisa il sindaco. «Questa iniziativa andava, comunque, fatta e, sicuramente, offre un quadro di ulteriore decoro e ordine».

Ma le indicazioni da Longarone per la Val di Zoldo sono alquanto confuse. «Ad oggi», prosegue De Pellegrin, «c’è molta confusione. In cento metri abbiamo cartelli che indicano Forno di Zoldo, Val di Zoldo, Valzoldana, Zoldo. A questi problemi verrà data risposta quando verranno realizzati i lavori dei Mondiali che determineranno un cambio di viabilità. Pertanto sarebbe una spesa inutile visto l’imminenza dei lavori. D’altra parte, in tutta
la provincia, da una prima stima, ci sono circa 100 cartelli direzionali da cambiare perché indicano appunto Forno di Zoldo e Zoldo Alto. L’onere è di competenza dell’ufficio di polizia locale che, a breve, trasmetterà il cambiamento dei cartelli all’Anas e Veneto strade».(ma.a.)

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik