Quotidiani locali

Finto socio della ditta truffa un arsedese nove mesi di reclusione per un 47enne

ARSIÈ. Il compratore aveva studiato con cura l’acquisto, controllando anche il sito internet della ditta che vendeva la lavatrice. Ma il raggiro era davvero ben congegnato e la merce non è mai...

ARSIÈ. Il compratore aveva studiato con cura l’acquisto, controllando anche il sito internet della ditta che vendeva la lavatrice. Ma il raggiro era davvero ben congegnato e la merce non è mai arrivata nonostante il pagamento della somma pattuita. Avio Mattioli è stato condannato a nove mesi per una truffa ai danni di un arsedese. Secondo quanto ricostruito l’uomo, un 47enne nato in Svizzera, avrebbe truffato la vittima tramite internet: l’acquirente era infatti intenzionato a comprare una lavatrice e aveva individuato un modello di suo gradimento. Mattioli gli aveva riferito di essere socio dell’azienda e si era fatto versare
una somma consistente direttamente sul suo conto corrente. La lavatrice non è mai arrivata e Mattioli, già noto per fatti di questo tipo, è finito a processo: la difesa è stata affidata d’ufficio all’avvocato Enrico Rech. Il tribunale di Belluno ha giudicato Mattioli colpevole.


TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro