Quotidiani locali

Feste natalizie con tutte le piste aperte

Domani si mettono in moto la funivia del Lagazuoi e le seggiovie di Potor e della Croda Negra. In pole anche il Cristallo

CORTINA. Per Natale si potrà sciare su tutti i tracciati del comprensorio di valle che comprende le piste di Cortina, San Vito, Auronzo e Misurina. La neve scesa a novembre e dicembre e il grande freddo hanno consentito agli impiantisti di poter aprire i tracciati per le festività natalizie.

La stagione sciistica a Cortina è partita l’11 novembre e prosegue a gonfie vele. Domani aprirà la funivia che dal passo Falzarego sale al Lagazuoi, con la possibilità di scendere di nuovo verso il valico, oppure di percorrere la pista dell’Armentarola, una delle più lunghe delle Dolomiti, e collegarsi così alla Val Badia.

Sempre domani, nel comprensorio delle Cinque Torri, aprono anche le due seggiovie di Potor e della Croda Negra; sabato apre anche l’impianto che sale a forcella Nuvolau da Fedare, sul versante del passo Giau che ricade nel comune di Colle Santa Lucia.

Con questo fine settimana riapre anche il comprensorio del monte Cristallo, con la seggiovia quadriposto che sale da Rio Gere a Son Forcia e l’impianto della Val Padeon; era stato aperto per il ponte festivo di sant’Ambrogio e dell’Immacolata, per poi rimanere aperto solo per le attività degli sci club, per l’allenamento dei giovani atleti, che si dedicano all’agonismo.

Le basse temperature di questi giorni stanno consentendo di creare la neve artificiale necessaria ad aprire anche le piste a San Vito, dove sabato apriranno la sciovia Donariè e le seggiovie San Marco e Tambres. Da venerdì si scia anche a Misurina, utilizzando la seggiovia che sale a Col de Varda e la sciovia Loita. Lo stesso giorno apriranno anche i tracciati di Auronzo.

«A differenza delle due stagioni precedenti», ammette Enrico Ghezze, presidente degli Impianti a fune di Cortina, San Vito, Auronzo e Misurina, «quest’anno è nevicato e poi il freddo ha consentito di mantenere il manto e di creare neve programmata. Le piste sono davvero perfette. La neve è di prima qualità. Per Natale riusciamo ad aprire tutti i tracciati. Resterà chiusa la nuova pista creata in Faloria, la Scoiattolo, perché servirebbe più neve. Abbiamo infatti realizzato la pista, ma collegheremo l’impianto di innevamento per l’inverno prossimo, quindi potremmo aprirla solo a seguito di abbondanti nevicate».

Hanno iniziato a sciare a San Vito solo i ragazzi delle scuole sci, sulla pista Donariè. Da sabato l’offerta sarà più ampia. «Grazie al grande freddo che è costante da settimane», spiega Cristiano Menegus, direttore della
società Scoter che gestisce la ski area, «siamo riusciti ad aprire per Natale tutti gli impianti: lo skilift Donariè e le seggiovie San Marco e Tambres. È aperto anche il parco Neve Sole, con i tappeti trasportatori per i principianti e i bambini».

Alessandra Segafreddo

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik