Quotidiani locali

La nuova piazza legata all’ospedale

Lamon: Pradel della minoranza ricorda il progetto del centro a misura di pedoni

LAMON. L’analisi del commissario di Forza Italia, Dario Bond che sollecita con urgenza l’avvio dei cantieri al centro di riabilitazione, trova concordi gli esponenti di Effetto Lamon, gruppo di minoranza coordinato da Nicola Pradel. Che dice: «Si fa giustamente riferimento alla necessità di rendere più attraente la struttura, sia da un punto di vista di dotazioni che dal punto di vista estetico. È questo il motivo per cui la precedente amministrazione comunale, in stretta collaborazione con i vertici della sanità veneta, decise di avviare la progettazione di una nuova struttura e a questo scopo il sindaco Vania Malacarne si impegnò per destinare una parte importante dei Fondi di confine per la riqualificazione di una struttura ormai obsoleta. Come Bond, anche noi cogliamo segnali di preoccupazione sul nostro ospedale: non siamo più così certi che il percorso di sviluppo avviato nell’ultimo periodo sarà confermato. E non sentiamo la presenza forte e determinata del Comune in difesa di una realtà che per Lamon è assolutamente strategica. Infatti, gran parte dei nostri progetti del centro urbano erano concepiti anche in funzione dell’ospedale e del suo prospettato sviluppo».

Nel progetto dell’ospedale, sottolinea il capogruppo Nicola Pradel, si era prevista anche la riqualificazione del Parco Colle di San Pietro, di proprietà dell’Usl. «Per quanto riguarda la nuova piazza, il progetto attuale è volto a creare nuovi spazi per pedoni, con attenzione al collegamento con l’accesso all’ospedale e con i posti auto ricavati nella zona che attualmente ospita il giardino davanti al duomo. Quel progetto, autorizzato dall’allora parroco don Liviano previa approvazione del consiglio parrocchiale, non ci convinceva, serviva qualcosa che coniugasse efficienza ed estetica. Per questo era in fase di studio preliminare un progetto per la realizzazione di quaranta posti auto sotterranei nell’area del viale del duomo. Questo progetto aveva una doppia valenza: garantire i necessari posti auto nella zona centrale del paese per lamonesi e utenti dell’ospedale, in aumento secondo la pianifcazione sanitaria regionale. E riqualificare l’area antistante al duomo, con nuovi spazi verdi, un’area da gioco per i ragazzi della parrocchia e il collegamento viario con la zona della Valina. Di questo progetto, l’attuale amministrazione non ha mai parlato, nonostante sia necessario alla sostenibilità della nuova piazza e del nuovo Centro di riabilitazione. Non è un progetto finanziato, ma i fondi di confne, recentemente
confermati per i prossimi anni, consentono di pianificarne la realizzazione. Ogni intervento», conclude Pradel, «è legato agli altri e come detto dall’ex consigliere regionale Dario Bond il tempo stringe, è necessario intervenire in fretta». (l.m.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA .

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon