Quotidiani locali

Muore in pista ad Alleghe davanti ai suoi familiari

Un romano di origine sarda si è accasciato improvvisamente a mezzogiorno sulla Coldai

ALLEGHE. Muore in pista sotto gli occhi della moglie. Un turista 48enne di origine sarda, ma residente a Roma ha perso la vita verso mezzogiorno, mentre stava sciando lungo la Coldai, nel territorio di Alleghe. L’uomo, del quale per il momento non sono state rese note le generalità si è improvvisamente accasciato, senza un motivo apparente e non c’è più stato verso di rianimarlo. Alle sue spalle, stava scendendo un carabiniere, che l’ha prontamente soccorso, mettendo in atto tutte le manovre di rianimazione, ma non c’è stato niente da fare.

Quando è atterrata l’eliambulaza, il medico a bordo non ha potuto che constatare il decesso e avvertire il magistrato di turno. L’uomo stava trascorrendo un periodo di vacanza in Agordino e fino a pochi minuti prima non aveva dato alcun segno di malessere. Ma è pur vero che di qualcosa soffriva e la morte improvvisa dev’essere stata una diretta conseguenza di questo problema fisico. È stato stabilizzato, imbarellato e portato a valle, prima di essere sistemato nella camera mortuaria più vicina. In queste ore, il pubblico ministero deciderà se disporre qualche esame sulla salma, prima di concedere il nulla osta alla celebrazione dei funerali.

Incidente a Rio Gere. Sempre ieri pomeriggio, ma nella zona di Cortina uno schianto in pista, che poteva avere delle conseguenze anche peggiori. Un 76enne napoletano ha perso il controllo degli sci nella zona di Rio Gere ed è finito fuori pista, battendo con violenza la testa. Meno male che indossava il caschetto protettivo, che peraltro si è rotto nell’impatto. I primi a soccorrerlo sono

stati i carabinieri del Servizio piste, che hanno poi mobilitato il 118. L’eliambulanza arrivata da Pieve di Cadore ha trasportato il ferito fino all’ospedale San Martino, dove il paziente è ricoverato in gravi condizioni, ma non risulta in pericolo di vita.


 

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik