Quotidiani locali

Gorza: «Vivo per miracolo, mi sono rotto un braccio»

L’ex calciatore è rimasto coinvolto nel terribile incidente di sabato sulla Feltrina: «Paura quando il guard rail mi è entrato in auto» 

FELTRE. Miracolato. Luigi Gorza ha rischiato di non poter raccontare a nessuno il terribile incidente che l’ha visto coinvolto sabato mattina, sulla regionale 348 Feltrina. Dopo il frontale con una Mini Cooper in fase di svolta, il guard rail gli ha sfondato il parabrezza, entrandogli nell’abitacolo come un coltello: il 40enne sovramontino ex terzino sinistro di Feltrese, Pievigina, Romano d’Ezzelino, Mussolente e Rosà e poi allenatore deve aver pensato per un attimo che fosse finita lì.

La sua Bmw X3 è da buttare, mentre “Gigi” se l’è cavata con poco: «Sono felice di poterne parlare con gli amici che in queste ore mi hanno telefonato, per sapere come stessi. Ho solo la frattura scomposta di radio e ulna di un braccio e tanta paura, perché c’è mancato poco che non potessi più raccontarlo. Mi è andata di lusso, devo ammetterlo e ho avuto paura, anche perché non ho mai perso conoscenza. Sono sempre rimasto cosciente. Devo ringraziare i soccorritori per il lavoro che hanno fatto».

Soccorso dall’ambulanza di Treviso, Gorza è stato trasportato all’ospedale Ca’ Foncello e ricoverato nel reparto di Ortopedia. Stava partendo per un viaggio, ma sarà per un’altra volta: «Ero diretto a Venezia, dove avrei preso un volo per Barcellona, perché è in Catalogna che vive mio figlio. L’importante è che io possa rivederlo presto».

La dinamica del sinistro delle 7.30 è abbastanza chiara: «Stavo procedendo in direzione sud, quando improvvisamente mi sono trovato davanti la Mini, che stava svoltando a sinistra, all’altezza di Montebelluna. Ho cercato di evitarla, ma non ci sono riuscito

e, nella successiva carambola, sono finito contro il guard rail, rischiando seriamente la vita. Mi è andata bene e ho già chiesto di essere operato al braccio all’ospedale Santa Maria del Prato di Feltre. Per il resto, sto bene e meno male, perché ho davvero temuto per la mia vita».

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori