Provincia, bilancio povero ma salvo

Previste opere per 17 milioni ma solo per difesa del suolo, strade e scuole. Azzerate quasi tutte le altre voci

    di Irene Aliprandi

    BELLUNO. «Un bilancio di guerra, ma in pareggio». Secondo anno di travaglio per i conti dell’ente Provincia. Ieri il commissario Capocelli di Palazzo Piloni ha presentato il bilancio di previsione 2012, un documento senza margini di manovra con tagli a tutto e investimenti minimi necessari solo nei tre settori principali di competenza dell’ente: strade, scuole e difesa del suolo. Quasi tutte le altre voci, tolte le spese correnti, vengono lasciate a zero, compresi turismo, cultura, politiche energetiche e sociale.

    Nel complesso le entrate della Provincia ammontano a poco più di 73 milioni di euro: (circa) 10,5 milioni da alienazioni, 28,7 da tributi, 18,4 da trasferimenti (Stato, Regione) e 15,3 extra. Per quanto riguarda i tributi, dopo gli aumenti decisi l’anno scorso in ogni voce, quest’anno si registra un incremento solo dell’Ipt per decisione statale.

    Le uscite vengono assorbite in larghissima parte dalle spese correnti, che ammontano a (circa) 46,2 milioni di euro, altri 2,5 milioni sono i costi di rimborso dei prestiti e le spese in conto capitale si fermano a 24,3 milioni. Questa cifra si divide sostanzialmente in tre voci: edilizia scolastica 5,3 milioni, viabilità 5,4 e difesa del suolo 13,2. Come detto tutte le altre competenze provinciali restano all’asciutto o quasi.

    Il piano delle opere pubbliche (17,124 milioni complessivi) prevede 7,3 milioni da destinare alla difesa del suolo: l’opera di maggior rilievo riguarda la messa in sicurezza della strada di Ornella a Livinallongo (1,5 milioni), quasi un milione è destinato a piccoli e medi interventi di difesa degli abitati e delle strade e 800 milioni andranno in appalto nei prossimi giorni per il nuovo sistema di monitoraggio e allarme a Cancia. Ci saranno lavori anche a Zoppè, Canal di Feltre, Arina di Lamon, Zorzoi di Sovramonte, Val Fiorentina, Arsiè, Longarone e Castellavazzo e Gosaldo.

    Negli edifici scolastici sono annunciati interventi all’Iti Segato (1,5 milioni), al Brustolon, all’alberghiero di Cortina, all’Agrario di Vellai (nuova palestra da 1,3 milioni) e all’alberghiero di Falcade. I fabbricati di proprietà vedranno lavori per 2,550 milioni: 150 mila per i locali della polizia provinciale a Palazzo Piloni e 2,4 milioni alla Casa del Sole di Ponte nelle Alpi. Le opere si concludono con i 2,4 milioni per la pista ciclabile tra Pieve di Cadore e Castellavazzo e per il percorso ciclabile di San Fermo a Belluno (350 mila euro).

    A chi lamenta una povertà nei numeri, la Provincia replica spiegando che il bilancio è stato chiuso meglio di quanto si poteva immaginare. Due i fattori che hanno “salvato” i conti di Palazzo Piloni, in entrambi i casi per intervento della Regione Veneto che nella Finanziaria ha concesso di dirottare il 30% dei canoni idrici nelle spese correnti e che ha stanziato 8 milioni per Veneto Strade, metà dei quali a beneficio di Belluno, che altrimenti non sarebbe riuscita ad onorare il contratto con la società, mettendo a rischio la viabilità provinciale. Lo sforzo di razionalizzazione generale, comunque, è stato notevole: i dipendenti sono calati di dieci unità (da 269 a 259 con un risparmio di 400 mila euro), altri 900 mila euro sono stati tagliati alle spese per servizi e 120 mila euro agli affitti degli Iat.

    Infine le alienazioni: tutte le partecipazioni nelle società sono in vendita (tranne Veneto Strade), mentre tra gli immobili restano in vendita via Psaro, la casa cantoniera di Canale e l’ex caserma dei carabinieri di Feltre.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    19 giugno 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Ricciola, il pesce azzurro dell’estate

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ