Un ragazzo feltrino investito a Udine il pirata si consegna

Dopo i timori iniziali Riccardo Stragà è fuori pericolo L’automobilista era scappato dopo averlo urtato nella notte

    FELTRE. Domenica notte aveva urtato con la macchina il venticinquenne Riccardo Stragà, originario di Feltre, che si trovava sula sua bicicletta, mandandolo all’ospedale, ieri si è presentato spontaneamente alla polizia stradale per ammettere le proprie responsabilità. L’incidente accaduto a Udine, all’incrocio tra le vie Monte Grappa e Gorizia si delinea nella sua completezza. L’automobilista è un quarantunenne che abita a Udine ed è originario della provincia di Salerno. Per il momento nei suoi confronti è scattata una denuncia per fuga e omissione di soccorso e nei prossimi giorni sarà la Procura a valutare la sua posizione anche in relazione alla gravità delle lesioni causate a Riccardo Stragà.

    Domenica notte verso le 3 lo studente era stato soccorso da un’ambulanza del 118 e, sul posto, era giunto anche un medico. Il personale sanitario, dopo aver valutato l’entità dei traumi subiti dal paziente, aveva deciso di trasferirlo immediatamente al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Misericordia.

    Con il passare delle ore, fortunatamente, le condizioni del giovane sono andate migliorando nonostante le ferite subite. Ieri il ragazzo ha avuto modo di parlare con i familiari subito partiti da Feltre alla volta del capoluogo friulano e con gli agenti della Polizia stradale ai quali ha detto di non ricordare nulla del momento dell’incidente.

    Tornando all’automobilista, al momento dello scontro non si era fermato a soccorrere il giovane caduto sull’asfalto e ferito, ma aveva proseguito per la sua strada. «Mi ero accorto di aver toccato il ciclista, ma sono stato preso dal panico e mi sono allontanato», ha spiegato ieri mattina agli agenti della polizia stradale.

    L’uomo già domenica sera si era confidato con un amico e, quest’ultimo, gli aveva consigliato di andare alla polizia. Un suggerimento più che sensato, visto che gli investigatori erano già riusciti grazie alle telecamere e agli elementi raccolti nel luogo dell’incidente, in particolare uno specchietto a risalire al modello dell’auto - una Kia Sorento scura intestata a un familiare - e avrebbero identificato il conducente davvero in poche ore. Per ora al quarantunenne è stata ritirata la patente, come previsto nei casi di incidente con feriti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    13 novembre 2012
    Casa di Vita

    Insalata di avena con bresaola e melone alla menta

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ