Quotidiani locali

Motonautica, schianto in gara: muore campione veneto

La vittima è Massimo Rossi, 24 anni, polesano di San Bellino

VENEZIA. Massimo Rossi, campione del mondo di motonautica nelle classi 250 e 350, è morto in conseguenza di uno spaventoso incidente in gara in Germania. Ne dà notizia il presidente della Federmotonautica, Vincenzo Iaconianni. « Rossi, che aveva 24 anni, correva con licenza tedesca - spiega il dirigente - perché aveva un contratto di lavoro in quel paese. L'incidente - aggiunge - è avvenuto su un circuito pericolosissimo, con le nostre regole lì non si sarebbe mai corso». 

«La manifestazione nella quale è avvenuto l'incidente - aggiunge Iaconianni, affranto - si chiama Traben Trabach, e si svolge in un circuito la cui larghezza rappresenta meno della metà del minimo consentito in Italia. Abbiamo protestato mille volte per la pericolosità di quella gara, nessuno ci ha mai dato retta. Non so con certezza la dinamica di quanto è avvenuto, ma mi dicono che addirittura dopo essere andato a sbattere sul terrapieno, Rossi sarebbe finito contro un albero. Ci sono dei circuiti dove non si dovrebbe mai correre, e sono tutti all'estero: noi in Italia siamo all'avanguardia per la sicurezza, purtroppo quando i nostri piloti vanno all'estero finiscono nelle mani di macellai...». 

(da La Stampa.it)
(da La Stampa.it)

Massimo Rossi era nato a Legnago (Verona) 24 anni fa, nel 2016 - si legge sul sito della Federazione italiana motonautica - ed era residente a San Bellino, in provincia di Rovigo. Aveva vinto il campionato del mondo 350 e quello della 250. Quest’anno correva con una licenza tedesca.

La carriera di Rossi inizia all’età di 15 anni (2007) quando chiude al decimo posto nella categoria OSY 400 ai campionati italiani. Risultato che migliora l’anno successivo, piazzandosi al quarto posto. Il 2009 è l’anno in cui si affaccia nell’attività internazionale, chiudendo al secondo posto in Italia, al sesto al Mondiale e al nono all’Europeo.

Nel 2010 passa alla classe O/125 chiudendo terzo in Italia ed al mondiale, quarto all’europeo; nel 2011 primo in Italia, secondo in Europa, terzo mondiale. Dopo un paio di anni di risultati non esaltanti, nel 2014 chiude al secondo posto in Italia nella O/125, secondo in Europa nella classe F/125 e ancora secondo al mondiale nella classe O/175. Nel 2015 terzo posto al campionato italiano e al campionato mondiale nella classe O/250, fino a quest’anno quando con licenza tedesca ha conquistato il mondiale nelle classe O/250 (lo scorso 7 agosto a Kriebstein in Germania) e nella classe O/350 (lo scorso 4 settembre a Jedovnice in Repubblica Ceca).

 

 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista