Annullata la squalifica alla Vaccaroni

Ciclismo. Clamoroso dietrofront e scuse ufficiali del comitato organizzatore della Granfondo Sportful Dolomiti Race

    FELTRE. Dietro front. Dorina Vaccaroni resta al secondo posto della Sportful Dolomiti Race. L’ex olimpionica di scherma era stata infatti squalificata domenica, a seguito di una denuncia di un altro partecipante alla gara. Secondo questa denuncia, sarebbe stata trainata in salita, in un primo momento sarebbe addirittura salita su uno scooter.

    La denuncia, in base a quanto appreso al parterre al termine della corsa, sarebbe partita un altro olimpionico. In gara c’erano Antonio Rossi, Yuri Chechi e Pietro Piller Cottrer, ma non c’è nessuna conferma che la “talpa” sia uno di questi tre.

    Ma il giorno dopo, il comitato organizzatore della gara feltrina, che ha visto al via 3400 ciclisti, ha annullato la squalifica, dopo aver fatto delle verifiche che, probabilmente, andavano fatte già la domenica sera. Immancabili quindi le scuse all’atleta veneziana.

    «Poco prima della cerimonia di premiazione - dice il comunicato ufficiale firmato dal comitato di Ivan Piol - un partecipante, particolarmente qualificato e degno di credibilità, esternava il suo stupore e la sua disapprovazione per il comportamento di Dorina Vaccaroni, raccontando con dovizia di particolari che la stessa si era fatta trainare lungo una salita da uno scooter. Egli articolava in sostanza preciso reclamo di cui, per nostro errore e nella concitazione del momento, non si è pretesa la formalizzazione per iscritto. Ivan Piol ha tentato di contattare telefonicamente l’atleta senza riuscirci e, di poi, si è ritenuto di decretare la sua squalifica. Lunedì mattina (ieri, ndr), la Vaccaroni, comprensibilmente risentita, ha contattato il Comitato organizzatore negando l’addebito a lei mosso. Ivan Piol e i suoi collaboratori hanno così svolto una ulteriore indagine tra altri concorrenti che, in base ai cronologici, hanno disputato la competizione con lei e nessuno di questi ha confermato l’accusa, deponendo viceversa per il corretto agire della atleta».

    «Va quindi - conclude il comunicato - certo revocato il provvedimento di squalifica e il Comitato organizzatore porge alla signora Vaccaroni le proprie scuse per un errore in parte dovuto alla stanchezza e alla tensione del momento ma anche, e soprattutto, alla autorevolezza sportiva del denunciante e alla apparente coerenza e precisione della sua dichiarazione che però questa mattina ha ritrattato».

    19 giugno 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Benvenuti in Calabria

    Altri contenuti di Sport

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ