Quotidiani locali

CALCIO

Belluno, inizia la marcia verso il Mestre

Serie D. A parte Pellicanò, squadra al completo per l’anticipo del Polisportivo. Masoch: «Restiamo concentrati»

BELLUNO. Abili e arruolati. Il Belluno ha iniziato ieri gli allenamenti alla Goal Arena, in vista dell’anticipo di sabato contro il Mestre. Al momento manca solo Pellicanò che si è dedicato a un po’ di corsa.

Buon avvio di ritorno. In quattro giorno a dicembre i gialloblù hanno salutato la Coppa contro la Virtus Vecomp e perso in casa con il Campodarsego. Eppure, come è sempre stato nelle ultime stagioni, i due ko sono serviti per rialzarsi ancora più forti. E i 14 punti sui 18 disponibili nelle successive sei partite sono numeri importanti. Lo riconosce anche uno dei simboli di questa squadra, ossia Yari Masoch.

«Siamo contenti di essere partiti bene nel ritorno, oltre alla vittoria nell’ultima d’andata a Motta di Livenza. Il nostro obiettivo era quello di fare più punti dell’andata e per ora ci stiamo riuscendo. È stato importante riuscire a restare equilibrati anche dopo quelle due sconfitte. È importante non esaltarsi dopo una vittoria e reagire dopo un ko».

Parole di uno che, nella crescita stagionale e degli ultimi anni del Belluno, sta recitando un ruolo da protagonista.

«Ormai da tre anni a questa parte con mister Vecchiato sto trovando davvero molto spazio. Detto ciò, visto che sono ancora giovane credo di avere molti aspetti sui quali poter migliorare».

Doppia sfida delicata. Presi i tre punti a Montebelluna, adesso il mirino passa alla sfida con gli arancioneri che all’andata inflissero un 3-0 un po’ pesante ma anche frutto di un brutto secondo tempo. Il tutto prima dello scontro diretto con l’Este. «Il Mestre è una formazione che individualmente ha qualità alte. Faccio fatica a spiegarmi perché in classifica siano così indietro. Siamo ancora un po’ arrabbiati per quella sconfitta e abbiamo tutte le intenzioni di provare a prenderci la vendetta sportiva. So che hanno giocato bene con l’Este, che si sta rivelando a sua volta una grande squadra».

Niente pullman da Mestre. La pacifica e colorata invasione di tifosi della squadra di Tiozzo non ci sarà. Il gruppo ultras, uno dei pochi nel girone, aveva organizzato quasi due corriere per la trasferta al Polisportivo contando sul fatto che la sfida si giocasse di sabato. Invece la richiesta del Belluno di anticipo, forse perché non c’era ancora la certezza di spostare il derby con il Ripa Fenadora a sabato 12 marzo, ha fatto saltare tutti i piani. Ci saranno

comunque un numero di tifosi ospiti superiori a quelli che si vedono di solito, ma niente di particolare.

Unione Triestina fallita. Intanto la società alabardata è ufficialmente fallita. Tra poco ci sarà un’asta per chi vorrà acquistarla. Intanto l’attività sportiva va comunque avanti.

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I VINCITORI DEL CONTEST

ilmioesordio, quando il talento ti sorprende