Quotidiani locali

calcio

Esplode la gioia dell’Union Feltre. Il Belluno è steso da due rigori

Cossalter atterrato per due volte, Madiotto implacabile dal dischetto. In mezzo il pari di Mosca. I verdegranata legittimano il successo con tre pali. Rosso a Granara per doppia ammonizione

FELTRE. Un rigore alla destra di Borghetto, l'altro alla sinistra. Così Madiotto prende per mano l'Union Feltre e la porta al terzo posto per una notte. Pomeriggio magico quello dei verdegranata, che non vincevano dal 2014 contro i cugini del Belluno. Ci riescono in una partita bella, vibrante e più sciolta rispetto ad altri derby.

Poteva vincere una ma anche l'altra. Solo che quest' Union viaggia sulle ali dell'entusiasmo. Sei partite, dieci punti e zero sconfitte. Guai ad appellarsi ai due penalty serviti per superare i gialloblù: alla fine, tanto per dire, saranno tre i legni colpiti dalla squadra di Bianchini.

Chi esce deluso è invece il Belluno. Eppure dopo una prima frazione quasi da dimenticare, Bertagno e compagni hanno messo in mostra anche cose belle. Un paio di indecisioni però sono costate i rigori, che hanno così vanificato il pareggio di Mosca.

Quasi 1300 persone a godersi il ritorno della Feltre - Belluno. Amarcord per tanti. Poi però a riportare tutti al presente ci pensa un ragazzino del 2000. Alex Cossalter indossa la terza maglia da titolare, si danna l'anima e poi si guadagna le due massime punizioni. Una bella storia all'interno del racconto del derby. Cos'era successo prima? Si parte da dall'ennesima rivoluzione tattica di Bianchini: difesa a tre con Dall'Ara, Guzzo e Solagna, supportati a turno o da Salvadori o da Gjoshi. Bedin è regista, con Rondon che si posiziona interno a centrocampo.

Nel Belluno non ce la fa Corbanese, e così Brotto, Marta e Duravia compongono il trio offensivo. Una saga di pali l'inizio match. Neanche un minuto e Bedin trova il legno uno stacco imperioso da corner di Rondon. Lo stesso Rondon poco dopo si gira alla grande dal limite ma trova il montante esterno. È solo Union in avvio, con il Belluno che ci mette un po' a entrare nei giri giusti. Masoch salva da solo un paio di incursioni pericolose, poi Trento prova una doppia conclusione.

Sussulto gialloblù al 27': Brotto va via a Solagna, conclusione a girare non lontana dal secondo palo. Diverso l'avvio di ripresa, con i gialloblù che tornano più grintosi in campo. L'Union abbassa il baricentro ma quando può prova a ripartire come al 18', quando Cossalter manda fuori l'assist di Trento. Nel frattempo dentro Corbanese e Quarzago per Marta e Miniati.

È una situazione non nitida quella del 30': sta di fatto che Cossalter ha uno spunto sulla destra e in area viene affrontato fallosamente da Bertagno. Rigore e Madiotto non si fa pregare.

Il vantaggio Union dura però 3 minuti. Il tempo dell'angolo di Duravia prolungato sul secondo palo dove Mosca tutto solo non sbaglia. Borghetto è bravissimo su Cossalter, poi Madiotto manda sull'esterno. Salvadori è super a recuperare su un'incursione pericolosa di Brotto.

Finale thrilling. Granara stende Cossalter, qualcuno dice fuori area. Sta di fatto che è un altro rigore per Mezzalira, oltre al secondo giallo a danno del cagliaritano. Madiotto è ancora perfetto dagli undici

metri. Alla fine i feltrini sfiorano il tris: conclusione di Cossalter e respinta di Borghetto, pallone sui piedi di Madiotto che manda sulla traversa e poi Podvorica viene chiuso ancora da un grande Borghetto. E lì finisce. L'Union fa festa mentre il Belluno va negli spogliatoi a testa bassa.

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro