Quotidiani locali

calcio

Riparte la Terza, tutti a inseguire il Cortina

Grande equilibrio nel torneo provinciale, che ha già vissuto un antipasto con il successo dello Schiara

BELLUNO. Riparte la Terza categoria. L’antipasto si è già consumato, con lo Schiara di mister Sommavilla che è passato sull’Auronzo lasciando sul posto i galletti e issandosi al secondo posto con il Real Damos a 25 punti. Per la coppia il distacco dal Cortina capolista indiscusso è di sei punti.

Il Cortina. La grande protagonista fin qui è stata proprio la truppa degli immortali Lo Deserto, Finco e Boldrin, che ha ritrovato lo spirito perduto nell’ultima campagna di Seconda, anche per l’inserimento di qualche giovane. I biancazzurri di Pordon hanno sfiorato il percorso netto (1 sconfitta con il Comelico), e guidano con 31 punti.

La coppia alle spalle della capolista. Sotto agli ampezzani è un ginepraio, fatto di equilibrio e incertezza. Piazze ambiziose e una squadra costruita con cure negli anni come il Real Damos. I 25 punti della truppa del condottiero Gustavo Fedon testimoniano che la base è solida per rimanere lì fino in fondo, quanto meno per la conquista dei playoff. La vittoria nel recupero ha messo la molla ai piedi dello Schiara. I gialloneri vogliono tornare nel calcio regionale. Tante già le vittorie importanti, anche se nel percorso si è deciso di cambiare la guida tecnica. È il miglior attacco, e da questo potenziale offensivo che proverà a ricucire il margine.

Il Comelico e l’Auronzo. Certamente due degli ambienti più stuzzicanti ed effervescenti a giocarsi le primissime posizioni. Quarta e quinta della classe. A punti le distanze sono importanti per i ritmi che è in grado di tenere il Cortina e dunque l’obiettivo plausibile sono i play-off. Il Comelico nel mercato di riparazione ha inserito un portiere di spessore come Remo Casanova, proveniente dal San Pietro. Un aggiustamento emotivamente importante che vuole caricare ancor di più un ambiente esplosivo e lanciato da un finale di andata di altissima levatura. I biancoverdi di Campitello hanno chiuso con sette vittorie nelle ultime otto gare dopo la bruciante sconfitta proprio nel derby con l’Auronzo e ora vogliono la Seconda Categoria. Si giocheranno le proprie carte anche i rossoblu di De Podestà. Brutto l’esordio nel 2017, ma le qualità del reparto offensivo dei galletti è di categoria superiore. A Tiric, Romano, De Silvestro e Giovanni Zandegiacomo si è aggiunto anche bomber Alex Soravia, subito a segno con lo Schiara. Per il pacchetto arretrato è tornato a piena attività anche Diego D’ambros: si, in Val d’Ansiei ci provano.

Gemelle e Longarone. A Mel è il secondo anno di attività agonistica e davvero questa volta i play-off non si devono sbagliare. La truppa di Isotton è a pari punti con l’Auronzo e ricomincerà subito con lo scontro diretto casalingo con il Comelico: gara caldissima dove la posta in palio sarà subito bollente. Molto dinamica la situazione a Longarone. A detta di molti i gialloblu di De Bona sono l’assetto più organizzato e propositivo in termini di gioco espresso. Ha concluso l’andata a 20 punti, meno due dai play-off. Servirà alzare la media punti

e per riuscire nell’intento a dicembre sono arrivati due rinforzi di grande caratura: Luca Dassiè per il centrocampo e Luca Reolon per l’attacco, entrambi giunti da Ponte nelle Alpi, trascinano per forza il Longarone ad un’altra dimensione. Ora il campo e il suo verdetto.

Matteo Poclener

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LA PROMOZIONE

Pubblicare un libro gratis