Quotidiani locali

cerimonia

La Festa dell’atletica nel ricordo di Sebastiano

Grande commozione ad Agordo per il giovane Bortolin. Ilaria Fantinel e Mihail Sirbu premiati come atleti dell’anno

AGORDO. Applausi, premi ed emozioni. Pomeriggio intenso ieri ad Agordo dove, alla sala don Tamis, ci è svolta la Festa provinciale dell'atletica. Un appuntamento che nel corso degli anni è diventato una piacevole consuetudine e che vede uniti il comitato provinciale della Fidal e quello del Centro sportivo italiano.

Tanti i premiati (oltre 150 tra Fidal e Csi) e tanti gli intervenuti. Con due momenti di particolare intensità: il ricordo di Sebastiano Bortolin, il ragazzo dell'Ana Feltre scomparso in un incidente stradale, e la consegna dei premi ai due atleti dell'anno 2016, Ilaria Fantinel e Mihail Sirbu. Gli spunti del pomeriggio agordino sono stati davvero tanti. Eccone alcuni.

Tutti in piedi per Sebastiano. La Festa provinciale dell'atletica avrebbe dovuto svolgersi il 25 febbraio. La sera precedente, però, in un incidente stradale nei pressi di Anzù, era morto Sebastiano Bortolin, diciotto anni, trevigiano ma studente a Feltre e atleta in tuta Ana Feltre. La festa, nella quale Sebastiano avrebbe dovuto essere premiato, è stata così rinviata a ieri. E ieri Sebastiano è stato ricordato in maniera semplice e sobria. A ritirare il riconoscimento che premiava il titolo regionale della staffetta 4x400 del sodalizio feltrino (composta da Bortolin, Matteo Rossa, Alberto Dal Sasso e Marco Zandomeneghi) sono saliti i suoi compagni e il presidente Claudio Biesuz. A loro la Fidal provinciale ha consegnato una targa, segno di vicinanza e affetto. E tutti i presenti si sono alzati in piedi. Commozione. Nel ricordo di un ragazzo che ora corre su altre piste.

Ilaria e Mihail atleti dell'anno. Il momento finale del pomeriggio di Agordo è stato riservato alla premiazione degli atleti dell'anno. In ambito femminile il riconoscimento è andato a Ilaria Fantinel, tra i maschi a Mihail Sirbu. Fantinel, studentessa al quinto anno al Liceo scienze applicate alle Canossiane di Feltre, è stata premiata per il tricolore Juniores di cross ma anche per l'argento su 5 mila, i titoli regionali Juniores di campestre e assoluto sui 5 mila, la maglia azzurra. Quella maglia azzurra che tornerà a indossare il prossimo fine settimana ai Mondiali di Kampala, Uganda. Una convocazione arrivata dopo il bel terzo posto conquistato ai tricolori Juniores di cross di domenica scorsa.

«Non mi aspettavo questa convocazione», ha affermato la ragazza di Rasai che è sulla via giusta per il recupero dai guai fisici che l'hanno accompagnata nell'ultimo anno. «Non so cosa potrò fare. So solo che darò il meglio e vivrò un'esperienza che, indipendentemente dal risultato, sarà importante».

Mihail Sirbu è stato premiato per l'argento ai campionati italiani Allievi di corsa in montagna e il bronzo al campionato regionale di campestre. «Per il 2017 voglio fare bene nella campestri, in montagna e in pista», ha detto il portacolori del Gs Quantin. «La disciplina che mi piace di più? La corsa in montagna».

Senza impianti non c'è atletica. Nel suo intervento, il presidente di Fidal Belluno, Giulio Imperatore, ha elogiato le società che svolgono un'attività ampia e di qualità, sottolineando come sia necessario migliorare l'impiantistica.

«Senza impianti non c'è atletica» ha affermato Imperatore. «In questo senso chiediamo alle amministrazioni che ci siano vicine».

Diversi gli amministratori intervenuti, da tutta la provincia. Padroni di casa il comune di Agordo, rappresentato da Fabrizio Campedel, e l'Unione montana agordina, rappresentata dal consigliere con delega allo sport Fernando Soccol. Per il Coni, il delegato Luciano Trevisson, per il Csi la presidente Nicoletta Castellini.

 

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' E LIBRI TOP DI NARRATIVA, POESIA, SAGGI, FUMETTI

Spedizioni gratis su oltre 30 mila libri