Quotidiani locali

Il San Giorgio ne prende tre dal Sandonà

La prima sconfitta esterna riduce a tre punti il vantaggio sulla Liventina. Il gol della bandiera è di Radrezza su rigore

SAN DONA'. Il San Giorgio Sedico cade in terra veneziana, incassando tre reti dal Sandonà. Per Pilotti e compagni è la prima sconfitta esterna della stagione. Una battuta d'arresto di cui ha saputo approfittare la Liventina, corsara sul campo del Portomansuè. Adesso i punti di vantaggio del San Giorgio Sedico sui trevigiani sono tornati a essere nuovamente tre (59 contro 56), com'era prima di domenica scorsa. Il Sandonà, che otto giorni fa aveva fatto un regalo al San Giorgio Sedico battendo la Liventina, ieri si è ripreso dunque il favore. E con gli interessi. Ma l'undici di Ferro deve anche riflettere sulle sue amnesie difensive.

In avvio di match, peraltro, era stato proprio il San Giorgio Sedico a farsi più propositivo con alcune ficcanti verticalizzazioni di Marcolin, che al 10' ha anche una bella opportunità con un rasoterra da fuori che sibila di poco a lato del secondo palo. Al 13' incursione personale di Coslovich, che triangola con Pilotti e dal fondo fa partire un tiro-cross che Pavanello respinge con un colpo di reni. Ma è al 16' che il San Giorgio Sedico ha l'occasione più ghiotta: stavolta è Pilotti che triangola con Radrezza e si ritrova a tu per tu con Pavanello, che salva la sua porta con i piedi. Il Sandonà, però, non sta a guardare e, al 20', risponde con un'azione nata da un taglio in mezzo di Pedrozo, Scroccaro appoggia e il pallone arriva a Cibin, che fa partire un rasoterra su cui Pazzaia si distende a mettere in corner. Poco dopo, al 24', Pazzaia si ripete su una botta da fuori di De March.

È il preludio al micidiale finale di frazione del Sandonà, che assesta tre colpi da ko al San Giorgio Sedico. Al 33' Beccia s'infila dalla sinistra e scaglia un gran diagonale, che si stampa sul secondo palo. La palla cozza contro la parte interna del legno, nessun giocatore del San Giorgio Sedico riesce a spazzarla e, quando Cibin la ribadisce in rete, la sfera ha già varcato la linea.

Il San Giorgio Sedico accusa il colpo e il Sandonà ne approfitta. Il raddoppio al 38': un pallone filtrante è svirgolato nel tentativo di disimpegno da Coslovich, la sfera arriva a Pedrozo che da pochi passi infila Pazzaia. Al 42' il Sandonà fa il tris: lanciato in profondità, Pedrozo si smarca con un doppio dribbling di Rimoldi e gela Pazzaia.

Nella ripresa Ferro si gioca le carte Guarino, Solagna e D'Assiè. Ma lo 0-3 è un passivo duro da rimontare. Al 19' il San Giorgio Sedico ha una grande occasione con un cross dalla destra di Solagna, che Pavanello vola a respingere.

Il pallone arriva sui piedi di Pilotti, che però spara alto. Il gol della bandiera arriva solo al 38', con Radrezza che trasforma un rigore concesso dall'arbitro per fallo di Scroccaro su Pilotti. Troppo tardi per riuscire a rimettere in discussione il match.

Giovanni Monforte

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVE OPPORTUNITA' PER CHI AMA SCRIVERE

Servizi, una redazione a disposizione dell'autore