Quotidiani locali

calcio

Coppa Veneto, Cavarzano beffato ai rigori a oltranza

Emozioni a go-go dal 46’ in poi: i giallorossi rimontano due volte la Juventina Laghi, poi si arrendono all’errore di Fontana

CONEGLIANO. I rigori condannano il Cavarzano. Dopo una partita ricca di emozioni e di reti i giallorossi devono arrendersi dagli undici metri alla Juventina Laghi che conquista la Coppa Veneto. Al Cavarzano non è riuscita l’ennesima magia ma alla formazione di Camp de Nogher va dato il merito di non aver mai mollato nonostante si sia trovata sempre in svantaggio. Per i padovani è andato a segno tre volte l'attaccante Nonni mentre per i giallorossi le reti sono state messe a segno da Marsango, Brancher e Da Rold. Sotto di due reti, De Vettor e compagni non hanno mai mollato trovando il 2-2 nel finale di partita. Nel primo tempo supplementare Nonni ha trovato la terza rete ma nel secondo Da Rold ha pareggiato i conti su pallonetto.

Pubblico numeroso sugli spalti e bella coreografia da parte dei tifosi della Juventina che durante l’entrata in campo hanno salutato la propria squadra con dei fumogeni gialloblù. Incessanti invece i cori dei sostenitori del Cavarzano che per tutta la partita hanno sostenuto la propria squadra. Nel primo tempo le uniche occasioni di nota sono quelle di Librato per la Juventina (con palla che finisce sul fondo) e di Marsango (sfera respinta dal numero uno Bragangolo).

Nella ripresa e ai supplementari invece succede di tutto. Zoldan fa fuori il suo marcatore e spara da una manciata di metri fuori dall'area, ma il tiro è controllato facilmente da Bragagnolo. Dalla parte opposta Nonni salta Fontana e libera il destro dalla distanza che sorvola la traversa. Dopo un’azione manovrata dai giallorossi è la Juventina a ripartire e a trovare la conclusione potente ma centrale di Dissegna: Valentinis in qualche modo respinge. Al 16' la Juventina passa in vantaggio con Nonni che riceve un’imbucata al centro e, a tu per tu con il portiere del Cavarzano, lo infila sul secondo palo. AL 26' la Juventina guadagna un rigore per il tocco di mano di De Vettor sulla conclusione del neo entrato Opoku.

Dal dischetto Nonni firma il raddoppio e la propria doppietta personale. Sotto di due reti il Cavarzano però non si abbatte e alla mezzora accorcia le distanze con Marsango che trasforma un lancio dalle retrovie in un gran tiro al volo di esterno destro che non lascia scampo a Bragagnolo. I giallorossi sono galvanizzati e al 35' trovano il meritato pareggio con il giovane neo entrato Brancher, classe 1998, che salta più in alto di tutti e di testa insacca la punizione pennellata dalla destra da Tonus.

Nel finale il Cavarzano sfiora il vantaggio con la girata di Bettio che finisce di pochi centimetri sul fondo; stessa sorte per il tiro dalla distanza di Opoku. Ai supplementari ancora Nonni segna per la Juventina approfittando di una respinta corta di Valentinis che aveva fermato il colpo di testa di un avversario. Nel secondo tempo supplementare arriva

il pareggio dei giallorossi con Da Rold, lanciato sul filo del fuorigioco da Tonus, che a tu per tu con il portiere lo scavalca con un pallonetto. Ai rigori (a oltranza) è decisivo l’errore di Fontana che colpisce la traversa. Prima di lui anche Tonus aveva sbagliato calciando sul fondo.

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro