Quotidiani locali

La Reyer scudettata arriva ad Alleghe

Giovedì 24 agosto primo giorno del ritiro in montagna. Il presidente Casarin e coach De Raffaele: «Qui abbiamo gettato le basi del nostro successo. Ci sentiamo come a casa»

MESTRE. Arrivano i campioni d’Italia: la Reyer ha iniziato lunedì la preparazione al palasport Taliercio, ma giovedì 24 agosto Walter De Raffaele e i suoi giocatori saliranno sul pullman, direzione Alleghe. Sesto anno di fila, ma questa volta cambia il quartier generale: sarà in centro, all’Hotel Alle Alpi, in piazza Kennedy. Allenamenti nella palestra di Caprile, sgambate a Boscoverde con il professor Renzo Colombini, già pronto a torchiare Tomas Ress e compagni.

«Per noi Alleghe rappresenta ormai una specie di seconda casa», spiega Federico Casarin, presidente dell’Umana Reyer Venezia, «questo è il sesto anno che iniziamo la stagione nell’Agordino. Ormai il rapporto va oltre l’ambito strettamente sportivo, c'è una collaborazione stretta, sei anni sono tanti e credo che ci siano tutti i presupposti per continuare la collaborazione anche in futuro. Sia con l’amministrazione che con il Consorzio siamo in sintonia da sei anni. Tra Alleghe e Caprile, in estate, abbiamo gettato le basi per centrare i risultati della stagione».

«Per noi», aggiunge coach Walter De Raffaele, «Alleghe è diventato un appuntamento fisso. Quando veniamo quassù, all’ombra della Civetta, ci sentiamo come a casa. Merito di chi ci ha messo nelle condizioni di lavorare al top, migliorando la palestra con un’attrezzata sala pesi, ma anche dell’ospitalità degli alleghesi, che ci coccolano dal primo all’ultimo giorno del nostro ritiro, un momento importate, durante il quale si affina la conoscenza reciproca tra staff tecnico e squadra. Purtroppo i tanti impegni del precampionato, limitano la nostra permanenza a una sola settimana, ma appena possiamo, io e il mio staff scappiamo dalla pianura per ritemprarci con le famiglie tra queste montagne».

La Reyer ha profondamente cambiato volto rispetto alla stagione che ha portato alla conquista del titolo tricolore, dopo 74 anni di attesa, e alla final four di Champions League a Tenerife. Alcuni protagonisti dello scudetto (Filloy ad Avellino, Ejim all’Unics Kazan, McGee a Pistoia e, da ultimo, Stone a Charlotte in Nba) hanno deciso di cambiare aria, altri non sono stati riconfermati (Viggiano, Ortner, Hagins e Batista). Sono rimasti Marquez Haynes, Stefano Tonut (alle prese con la schiena ballerina che potrebbe costringerlo a fermarsi), Hrvoje Peric e capitan Tomas Ress. Il roster è stato completato con Andrea De Nicolao da Reggio Emilia, Dominique Johnson da Varese (deve ancora arrivare in Italia per questioni legate al visto), Gediminas Orelik, vincitore della Coppa di Turchia e finalista in Champions League con il Banvit Bandirma, Paul Biligha da Cremona, impegnato in Nazionale, e Mitchell Watt, il centro americano reduce da un’ottima prima stagione in Italia a Caserta. Poi il giovane Riccardo Bolpin, Bruno Cerella (la guardia-ala ex
Milano ha firmato martedì 22) e, in futuro, forse il ventiquattrenne ceco Tomas Kizlink.

La Reyer Venezia disputerà a Caprile la prima amichevole stagionale: lunedì 28 agosto toccherà alla Virtus Padova (Serie B) misurarsi contro la squadra di Walter De Raffaele (inizio ore 20).

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista