Quotidiani locali

hockey

Il Cortina Hafro parte con il piede giusto

Hockey. Inizia bene l’Alps League contro il Klagenfurt B. Manning migliore in campo. Sabato si va dal Val Pusteria

CORTINA. La stagione dell’Hafro Cortina nell’Alps Hockey League inizia nel migliore dei modi. Esordio vincente per gli uomini di Drew Omicioli, che all’Olimpico superano la seconda squadra del Klagenfurt al termine di una partita in cui gli ampezzani hanno confermato tutte le buone indicazioni emerse nel corso della pre-season.

Nuovi arrivati subito decisivi, con una menzione speciale per l’ex Fassa Neil Manning.

Omicioli getta subito nella mischia il nuovo arrivato Cordiano, ma a confezionare il primo gol della stagione sono i migliori atleti dello scorso anno: al secondo minuto, un secondo assist di Torquato e battuta a rete di Riley Brace che non lascia scampo a Vorauer.

La reazione degli ospiti si materializza con un palo colpito da Greier ma le migliori occasioni del primo tempo sono di marca ampezzana con Brace che manca di un soffio il 2-0. Sulla sirena la tensione del match sfocia in un accenno di rissa sedato a fatica dagli arbitri: ne fa le spese Brace che subisce una penalità.

Nel secondo tempo la partita si accende: i ritmi si abbassano notevolmente ma paradossalmente le occasioni da gol iniziano a fioccare su entrambi i fronti senza un attimo di pausa. Pronti, via e le giacche rosse pareggiano: la deviazione fortuita è di Kreuzer per il temporaneo 1-1. Il Cortina accusa il colpo ma va due volte vicino al vantaggio con Zandonella e Brace, Vorauer sventa.

L’1-2 arriva in mischia, lo segna Obersteiner. Dal 13’alla sirena si scatenano gli ampezzani: gol a raffica e tutti di pregevole fattura. Dalla distanza l’ex Fassa Manning impatta, neanche due giri di lancette e sempre da distanza siderale Michael Zanatta ribalta la situazione facendo esplodere l’Olimpico.

Il Klagenfurt si scompone e l’Hafro ne approfitta prendendo il largo con Iori e Torquato: alla fine del secondo tempo il parziale è di 5-2 con una particolarità quantomeno curiosa per Vorauer: tutti i gol subiti nel secondo tempo si sono infilati all’incrocio dei pali alla sua destra.

Casualità, debolezza o precisa scelta tecnica da parte dei padroni di casa? Il terzo ed ultimo tempo fila via senza gol ma in compenso con una maggiore carica agonistica.

Ne fanno
le spese Rizzo e Valentin Hammerle che si beccano 5’di penalità. L’Hafro gestisce il vantaggio fino alla sirena senza troppi patemi d’animo e festeggia con i suoi tifosi l’importante vittoria.

Sabato trasferta a Brunico contro il Val Pusteria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista