Quotidiani locali

skiroll

Alba Mortagna «È stata una stagione da nove e mezzo»

Parla la campionessa mondiale Juniores sprint di skiroll «Finisco la Coppa Italia, poi sotto col fondo per l’inverno»

SANTA GIUSTINA. Si sta chiudendo una stagione d’oro per Alba Mortagna. La sedicenne di Cergnai di Santa Giustina (compirà diciassettenne anni il 5 ottobre) si è affermata in questo 2017 come uno dei riferimenti internazionali dello skiroll mondiale.

Lo scorso 4 agosto a Solleftea (Svezia) si è laureata campionessa del mondo Juniores, specialità sprint. Nella classifica finale di Coppa del Mondo, circuito nel quale ha vinto tutte e quattro le sprint in programma, ha chiuso al secondo posto, a una manciata di punti dalla piemontese Chiara Becchis. Il trofeo è sfuggito, complice anche un virus intestinale, proprio nelle ultime due gare, a Trento.



Ora, a poche tappe dalla conclusione, la studentessa di Santa Giustina (frequenta il quarto anno del liceo scientifico a Belluno) è in testa alla Coppa Italia. Stagione da incorniciare per la ragazza che difende i colori dello Sci club Valdobbiadene. Alba, però, non è soddisfatta del tutto.

Alba, diamo un voto al tuo 2017?

«È stata un’annata da 9 e mezzo. Sarebbe stata da 10 se avessi vinto la Coppa del Mondo. In ogni caso ho raccolto più di quanto immaginassi alla vigilia. Devo ringraziare chi ha permesso il raggiungimento di questi risultati: in primis lo Sci club Valdobbiadene e la federazione, nella persona di Flavio Becchis. Un grazie grande anche ad amici e sostenitori che mi hanno seguita per tutta la stagione».

Quando hai cominciato a praticare lo skiroll?

«Attorno ai sette anni. A cinque avevo iniziato con lo sci di fondo, l’altra mia grande passione, trasmessa da papà Edi».

Meglio lo skiroll o il fondo?

«Bella domanda! Per i risultati sicuramente lo skiroll. Ma il fondo mi piace eccome! E poi, in prospettiva, potrebbe darti più sbocchi, sportivi e lavorativi».

Quali sono le tue caratteristiche tecniche?

«Sono una sprinter, la velocità è sicuramente l’ambito nel quale mi esprimo meglio. Ma in questa stagione ho notato che anche nelle gare in piano posso fare bene».

Qual è stata la gara più bella della stagione 2017?

«Sicuramente la gara sprint dei Mondiali di Solleftea. In qualifica ho fatto registrare il secondo tempo, poi ho vinto ottavi, quarti, semifinale e finale. Ma in questa stagione sono riuscita anche a mettere dietro qualche senior: un bel segnale».

Quali i prossimi obiettivi?

«Ora c’è da finire la Coppa Italia di skiroll. Ma c’è anche l’inverno da preparare. Per quanto riguarda la stagione invernale (Alba gareggerà nella categoria Aspiranti, ndr), devo lavorare per migliorare la resistenza. Le sprint del fondo infatti sono più lunghe e io finora ho fatto bene in qualifica ma mi sono persa un po’ nella batterie successive».
 

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista