Quotidiani locali

Il nuovo Belluno scala il Montello: vittoria e Union Feltre agganciata

I bomber Corbanese e Rocco firmano la seconda vittoria di seguito contro il Montebelluna. La squadra gialloblù non concede nulla ai trevigiani e l’unico neo è il cartellino rosso a Bertagno

MONTEBELLUNA. Vento in poppa per i gialloblù. Da Riz centra il due su due e il Belluno ottiene un’ottima vittoria, di squadra e di sacrificio, in casa di un Montebelluna apparso spento ed impaurito. Questi altri tre punti gli permettono di agganciare l’Union Feltre, dopo un breve inseguimento.

La mentalità e la determinazione degli ospiti appaiono subito nei primi minuti di gioco. Il primo brivido arriva al 3’: Mosca batte un angolo alla sinistra di Milan, si alza la testa Rocco, ma non riesce ad indirizzare bene la palla che va a finire sul fondo. Qualche minuto dopo, Masoch ruba la sfera a metà campo, la corsa si arresta quasi arrivato all’area, parte il cross, Corbanese lascia scorrere, arriva Rocco il cui tiro però non va a buon fine. Il gol degli ospiti è nell’aria e infatti al 17’ Mosca batte una punizione decentrata a destra dai 40 metri, Masoch sfiora soltanto la palla ma solo sul secondo palo c’è Corbanese che non perdona la distrazione avversaria e porta in vantaggio il Belluno.

Prova a rispondere il Montebelluna: al 23’, Sommacal regala un corner che viene battuto da Perosin, la palla balla sulla linea di porta dove scoppia una mischia, ma l’arbitro ferma il gioco per un fallo su Colonna. Il Belluno non ci sta e prova ad andare al riposo con più gol di vantaggio: al 26’, sugli sviluppi di un fallo laterale, parte un lungo lancio per Rocco, parte un tiro potente e ben angolato, Milan si supera e con la mano mette in angolo. Al 31’ rispondono i padroni di casa con Cosner, che entra in area dalla destra scartando un avversario, appoggia a Zago, ma Masoch gli toglie la palla proprio al momento del tiro, mandando in corner. Al 35’ Masoch vince ancora un duello a metà campo, parte un lungo lancio per Sciancalepore che crossa per Rocco, ma ancora una volta è Milan a negare il doppio vantaggio, con l’aiuto anche del palo. Nel finale di tempo, azione solitaria di Rocco che, dopo aver recuperato palla a metà campo, si avvia verso la porta, tira dai 25 metri, ma la palla va alla sinistra della porta difesa da Milan.

La seconda frazione di gioco ha meno da raccontare, anche perché il Belluno segna il secondo gol e pensa più a controllare. Il Montebelluna parte in quinta, ma vengono subito fermati tanto che al 48’ parte tutto solo in contropiede Rocco, salta un paio di avversari prima di entrare in area, scarta anche Milan e butta la palla in rete. Il Belluno non si accontenta: al 56’ uno-due tra Masoch e Sciancaleporte, il primo tira ma trova la traversa, complice anche la mano di Milan. Al 69’ Perosin da regista prova a diventare bomber, fa partire un siluro dai 30 metri, Colonna si allunga e manda in angolo l’unico tiro in porta dei padroni di casa. Il Belluno rimane con un uomo in meno al 79’ quando, sulla trequarti, Bertagno entra a gamba tesa ed in ritardo su De Vido: l’arbitro si trova lì vicino e mostra il cartellino rosso. I gialloblù abbassano il baricentro ma controllano bene il gioco, contenendo le ripartenze del Montebelluna: all’86’corner battuto da Tonizzo, la testa di Veratti manda sopra la traversa. I locali premono di più nel recupero, alla ricerca almeno del gol della bandiera, ma le azioni di Barbon e De Vido non si concretizzano e un bolide di Perosin è impreciso, se pur potente. Si chiude così la gara che rilancia il Belluno, ora settimo

a 48 punti, in compagnia dei cugini dell’Union Feltre, ieri sconfitti pesantemente 6-0 in casa dall’Arzignano, e a cinque lunghezze dall’ambita zona playoff, che meriterebbero dopo un’ottima prova come quella di ieri in terra trevigiana e a cui giocatori ed allenatore credono ancora.

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik