Quotidiani locali

ciclismo

C’è l’album del Giro con la figurina del feltrino Turrin

«Bello esserci, ma la speranza maggiore è quella di essere anche alla partenza in Israele»

LIENZ. Come già lo scorso anno, anche in questo 2018 per Alex Turrin c’è un posto nell’album che la Panini ha realizzato in vista del Giro d’Italia. La figurina del professionista feltrino della Wilier Selle Italia è la numero 361 e figura nella rosa di 14 corridori della squadra veneto toscana per il Giro d’Italia insieme, tra gli altri, a Filippo Pozzato, Jakub Marezko, Marco Coledan e Liam Bertazzo.

«Bello essere nell’album Panini, la speranza è di poter essere parte dei sette che saranno al via del 4 maggio da Israele» commenta Turrin. «Mi piacerebbe anche riuscire a trovare la mia figurina: lo scorso anno ci ho provato per un bel po’ ma poi mi sono arreso, questa volta voglio riuscire a trovarmi».

Battute a parte, il Giro per Turrin al momento rappresenta ancora un punto di domanda.

«La squadra ancora non è fatta, credo che le scelte definitive verranno fatte la prossima settimana», dice il feltrino in questi giorni al Tour of the Alps. Ieri, nella quarta tappa, la Chiusa – Lienz, Alex è stato ancora una volta il migliore della sua squadra: ha provato a mettersi in luce nel finale di una frazione percorsa a ritmo alto nonostante le tante salite in programma, andando all’attacco poco prima dell’ultima ascesa di giornata, il Bannberg.

«Sono andato al contrattacco con una ventina di corridori, appena ripresi i fuggitivi. Ho resistito fino a un chilometro dallo scollinamento, poi ho dovuto mollare le ruote dei migliori, chiudendo 27°. Sono in ogni caso contento perché sono riuscito fare ciò che volevo. Certo che i primi vanno forte, Froome e Lopez su tutti: mentre noi eravamo a tutta in salita, loro ancora riuscivano a parlare tra loro».

La tappa è stata vinta dallo spagnolo Luis Leon Sanchez, che ha regalato all’Astana il terzo successo in quattro tappe. Secondo e terzo posto per il neozelandese George Bennet e l’olandese Koen Bouwman, staccati di 6’e 11”. Turrin ha tagliato il traguardo con un ritardo di 1’18”. Il francese Pinot ha conservato la maglia ciclamino di leader, con 15” su Domenico Pozzovivo e sullo spagnolo Miguel Angel Lopez, 16” sul britannico Chris Froome e 50” su Fabio Aru. Nella generale Turrin

è 40°, a 22”16 dalla vetta. Oggi quinta e ultima tappa: la Rattenberg – Innsbruck, di 164 km. Alle 12.30 si terrà anche uno speciale momento di commemorazione di Michele Scarponi, celebrato dal vescovo di Innsbruck. Parteciperanno anche i genitori dello sfortunato atleta marchigiano.

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori