Quotidiani locali

Union, c’è la firma di Giacomazzi Salvador, Gjoshi, Episcopo e Calì

Prime conferme per il prossimo anno per la formazione di mister Sandro Andreolla

FELTRE. Primi cinque tasselli al loro posto. L’allestimento della nuova Union Feltre inizia da un pokerissimo di conferme. Tutte nell’aria, tutte ampiamente annunciate. Mancava solo l’ufficialità. Vestiranno ancora di verdegranata capitan Michael Salvadori, Halil Gjoshi, Mattia Episcopo, Vincenzo Calì e Andrea Giacomazzi.

Una spina dorsale importante dalla quale riparte mister Sandro Andreolla. Non saranno solo loro i certi di rimanere. Con altri elementi della rosa si sta discutendo in queste ore. Ad esempio, manca poco alla firma di Pietro Zonta, deciso e convinto nel declinare altre proposte ed assecondare solo la fame di riscatto in quel di Feltre.

Un pelo più complesso definire il tutto con Giovanni Madiotto, Andrei Tanasa, Stefano Pelizzer e Riccardo Busatto. I primi tre nell’idea di massima della dirigenza dovrebbero essere confermati, poi però vanno ancora sistemati alcuni dettagli. Si sta invece valutando la posizione di Busatto, in stand – by. Quasi certi gli addii dei due portieri, Luca Borrelli ed Alessandro Poggio, al pari di Matteo Pinton, che ha richieste dalla serie C e il cui cartellino è di proprietà dell’Hellas Verona, ed Alessio Rizzo. Via pure Andrea Guagnetti, mentre da valutare Tommaso Solagna.

Si passerà poi agli acquisti. In porta dovrebbe esserci una nuova coppia di numeri uno entrambi del 99. Così come del 99 è il terzino Riccardo Pettinà del Montebelluna, tra i monitorati dell’Union. In difesa non ci dovrebbero essere grossi intoppi per Tobanelli. Piacciono poi un paio di fuoriquota di una primavera professionistica, anche se il vero colpaccio Tormen lo vorrebbe davanti con un attaccante da affiancare alla batteria composta da Calì e, molto probabilmente, Madiotto. Occhi sempre vigili sul trequartista Borreggio, classe 99 dell’Abano.

La Coppa al Campodarsego. Nel frattempo, svanita la delusione per essersi fatto sfuggire di mano il campionato, si riscatta parzialmente il Campodarsego. Ai rigori infatti i padovani conquistano la Coppa Italia di serie D, superando il San Donato Tavarnelle. Decisivo l’errore dal dischetto dell’ex serie A Nicola Pozzi. Titolare il centrocampista ex Union Enrico Trento,

mentre è rimasto in panchina il portiere bellunese Gabriele Brino, comunque grande protagonista nei turni precedenti. Ora per il Campo c’è l’ultimo impegno ufficiale della stagione, con la finale playoff contro l’Arzignano in programma sabato pomeriggio allo stadio Gabbiano.
 

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro