Quotidiani locali

De Francesch lascia la guida del Sedico, al suo posto Forato

La società ringrazia e punta sull’ex Altamarca. È ormai sicura la domanda di ripescaggio in serie B

SEDICO. De Francesch saluta, arriva un ex serie A. Dopo aver visto sfumare la promozione in B nella finalissima con l’Askl, dalle parti di Sedico si è già iniziato a dettare le linee guida in vista del prossimo campionato.

E in attesa di capire se il tanto desiderato ripescaggio diverrà effettivo o meno, c’è già stato un primo scossone. Ha deciso infatti di non rimanere in biancoceleste mister Gabriele De Francesch, capace di portare in neppure di quattro anni i sedicensi dalla zona retrocessione della C2 alla quasi conquista del torneo nazionale. Una scelta dettata alla base da motivazioni personali, sulla quale però ha sicuramente inciso pure l’amarissimo verdetto del 9 giugno.

Così la società del presidente Piero Deon si è subito messa alla ricerca di un sostituto all’altezza, in grado di raggiungere l’obiettivo prefissato: salvezza in caso di ripescaggio in B, vittoria del campionato se dovesse essere ancora C1. E la figura pronta ad arrivare a Sedico è di primissimo piano. Si tratta del trevigiano Ermanno Forato, già secondo allenatore della Marca Trevigiana in A1.

Nonostante la giovane età, lungo il suo curriculum da capo mister tra Sporting Marca, Sporting Altamarca Atletico Nervesa. Una scelta di altissimo profilo dunque, quasi a voler testimoniare le ambizioni comunque ancora forti del Sedico. Nelle prossime ore è attesa l’ufficialità, ma gli incontri di rito sono già avvenuti e l'intesa è totale.

Grazie “Cice”. Intanto il dirigente Tiziano Vigne ringrazia mister “Cice” De Francesch, «per quanto dato al Sedico in questi anni. Era stanco, ed abbiamo dunque accettato la sua decisione. Confidiamo nella possibilità di poter ancora avvalerci della sua preziosa collaborazione».

In merito al ripescaggio, la situazione è chiara.

«Appena uscirà il bando prepareremo la documentazione. Inutile girarci attorno: vogliamo la serie B, ma se dovessimo rimanere in C1 vedremo di provare ad ottenere il massimo possibile».

Non sarebbe però facile, perché alcune squadre si stanno rinforzando in maniera importante. Tradotto: più facile salvarsi in cadetteria che non vincere il campionato regionale.

Nuova under 19? Oltre alla prima squadra, confermato pure l’impegno a livello giovanile del Sedico. L’intenzione societaria sarebbe quella di iscrivere una squadra nell’under 19 nazionale e non più nell’under 21 regionale. Tra l’altro si tratterebbe di un’operazione obbligatoria in caso di ripescaggio

in B. Sarà la quinta formazione giovanile in provincia, assieme ad Esordienti, Giovanissimi, Allievi ed under 19 della Giesse Canottieri. E far crescere ragazzi fin da piccoli con mentalità e tecnica da calcio a 5 è l’unico modo per dare un futuro a questo sport anche nel Bellunese.

TrovaRistorante

a Belluno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro