E’ ufficiale: lo scialpinismo alle Olimpiadi di Milano-Cortina 2026

La soddisfazione del presidente Fisi Flavio Roda e della campionessa del Comelico Alba De Silvestro: «Cinque anni non sono pochi ma io spero di esserci».   

BELLUNO. Lo sci alpinismo diventa disciplina olimpica. Con il voto all’unanimità del Congresso del Cio, riunito oggi a Tokyo, lo sci con le pelli è stato inserito tra gli sport a cinque cerchi. L’esordio avverrà in occasione di Milano-Cortina 2026. Verranno assegnate medaglie in cinque specialità: due maschili (Sprint/Individuale), due femminili (Sprint/Individuale) e una staffetta mista. Si tratta di una grande notizia per l’Italia che da sempre è una delle nazioni di riferimento dello ski alp.

«E’ una grande notizia per l’Italia, per la federazione e per la nostra nazionale di sci alpinismo che è una delle più forti al mondo» ha commentato il presidente Fisi, Flavio Roda. «Abbiamo tanti campioni che hanno vinto mondiali e coppe del mondo, ora nella loro carriera c’è un obiettivo in più, prestigiosissimo. La Federazione farà tutto il possibile per mettere la squadra nella condizione di crescere ancora e ben figurare ai Giochi del 2026. Sono certo che anche gli atleti e i tecnici faranno del loro meglio».

Tra le atlete di riferimento a livello mondiale dello sci alpinismo c’è la comeliana Alba De Silvestro portacolori del Centro sportivo Esercito. «Quella che è arrivata questa mattina dal Giappone è una gran bella notizia», dice la ragazza di Padola. «Il movimento potrà trarne grande beneficio: il livello tecnico si alzerà e aumenterà il numero di praticanti. Spero solo che i format di gara non vengano stravolti eccessivamente. Per quanto riguarda me, cinque anni non sono pochi ma io spero vivamente di esserci».

Video del giorno

Maltempo nel Comasco, torrente esonda a Cernobbio e travolge auto: motociclista in fuga dall'ondata

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi