Al via la stagione turistica Ha aperto la seggiovia monte Siera

L’impianto di Nevelandia

 SAPPADA. Ieri pur, tra qualche piccolo inconveniente, la storica pista del Siera a Cima Sappada ha aperto i battenti agli sciatori dando il via alla stagione turistica invernale. L'apertura della seggiovia monte Siera è un evento con il quale la Campetti Sappada 2010 ha voluto lanciare un messaggio sia agli sciatori che agli ospiti di Sappada.  «Siamo operativi e pieni di entusiasmo: gli impianti apriranno». La festa può cominciare. Così in sintesi dopo avere rischiato la serrata quasi totale degli impianti ed avere firmato il contratto di affitto a poche ore dal fallimento di Fingefa, la Campetti Sappada 2010 è riuscita ad essere operativa a poche ore dalla firma del contratto d'affitto. Questo lo si deve anche ai dipendenti Ski Program coordinati da Riccardo Breusa che come ha detto lui stesso «hanno lavorato tra mille difficoltà e incertezze, aspettando la paga e dovendo gestire manutenzioni ed interventi con gli impianti parzialmente pignorati». Poi naturalmente l'apertura la si deve al grande impegno dei fondatori della Campetti Sappada 2010 Danilo Quinz, Daniele Kratter, Gianluca Cian e Alessandro Solero e a tutti gli investitori sappadini che hanno creduto fin dall'inizio in questa impresa e hanno deciso di scommetere.  Il commento della prima giornata è stato più che positivo, se si esclude un lieve mea-culpa legato a difficoltà di tipo operativo. «E' andato tutto bene salvo qualche disagio tecnico per il quale ci scusiamo con i nostri clienti».  Anche Danilo Quinz è apparso soddisfatto del primo appuntamento, al punto da promettere che d'ora in avanti bisognerà assumere nuovo personale per fare in modo che il servizio reso ai clienti sia il più possibile completo e soddisfacente.  «Davvero però il tempo era ridotto al minimo e l'apertura è stata un grande risultato per noi. Sono convinto che d'ora in avanti le cose andranno meglio anche perchè assumeremo il personale necessario a rendere un servizio di qualità».  Saraci sarà anche da trovare là necessario anche trovare una soluzione per i rifugi che potranno essere gestiti direttamente o affittati con formule ancora tutte da sperimentare.  E' proprio dai rifugi che la Campetti Sappada 2010 si aspetta di conseguire ricavi importanti per raggiungere un buon risultato operativo della gestione degli impianti. Il prossimo attesissimo appuntamento, che consentirà di testare la vitalità di Sappada, è con le gare di Sci Fis organizzate dallo Sci Club martedì e mercoledì.  Anche queste gare sono state guadagnate sul campo dallo Sci Club Sappada che non ha ceduto alle pressioni di chi le voleva trasferire da Sappada per non incorrere in problemi dovuto all'incertezza della situazione. Insomma la bandiera della Campetti Sappada 2010 sventolerà sul paese anche quest'inverno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi