Manfreda risponde punto su punto al consigliere Zanella

LOZZO. Non si è fatta certamente attendere la risposta del sindaco di Lozzo, Mario Manfreda, dopo le osservazioni mosse qualche giorno fa dal consigliere Alessio Zanella. Osservazioni frutto di...

LOZZO. Non si è fatta certamente attendere la risposta del sindaco di Lozzo, Mario Manfreda, dopo le osservazioni mosse qualche giorno fa dal consigliere Alessio Zanella. Osservazioni frutto di presunte sollecitazioni della cittadinanza e riguardanti alcuni punti di interesse comune finiti sul banco degli imputati. Il sindaco, radunata la giunta e vagliata attentamente la “lista” firmata da Zanella, ha emesso una nota di risposta ufficiale, visibile a tutti considerato che sarà affissa nella bacheca in municipio.

Manfreda, ricordando che «da parte mia e dell’Amministrazione è stata sempre posta particolare attenzione all’ascolto di sollecitazioni e richieste da parte dei nostri concittadini», elenca punto per punto le risposte alle relative richieste: si parte dalla piazzola ecologica situata in località “le Astre”, chiamata in causa da Zanella per colpa di presunti cattivi odori, passando per la scalinata Riva De Bordevin, ritenuta oltremodo pericolosa.

«I contenitori per la carta e per il vetro, se effettivamente contengono detti materiali, non rilasciano cattivi odori», si legge nella nota; in cui si ricorda anche che «l’ecopiazzola le Astre è ubicata in zona ampia e con scarsissima circolazione di veicoli: come collocazione è una fra le migliori del paese».

Sulla questione scalinata, invece, il sindaco ricorda «che è oggetto di ordinaria manutenzione». Tema spinoso quello delle presunte discariche a cielo aperto presenti sul territorio di Lozzo. La risposta in questo caso presenta punti concordi con l’accusa: «Si condivide l’opinione espressa che il decoro è condizione necessaria per l’attrattiva turistica». Altri temi chiamano in causa i cestini spazzatura («acquistati ed a breve collocati nei siti stabiliti») ed il manto stradale («le risorse finanziarie per la manutenzione, anche straordinaria, scarseggiano»). Altro tema spinoso riguarda lo sfalcio dei prati su cui il primo cittadino attacca: «Non corrisponde al vero quanto riportato a riguardo: i parchi gioco di Pianizzole e di Loreto erano già stati sfalciati. Siamo inoltre in attesa che la ditta Taferner esegua gli sfalci nei prati circostanti al paese, come oramai avviene da parecchi anni. Nel contempo, soprattutto nel perimetro urbano, viene chiesta una migliore collaborazione ai cittadini proprietari ed affittuari di fondi prossimi alle abitazioni». Sugli sfalci il Comune a breve diramerà anche un’ordinanza specifica. Infine parcheggi e mercato settimanale, col sindaco che, pur non concordando sulle accuse mosse, si dichiara «a completa disposizione per fornire eventuali ulteriori delucidazioni».

Gianluca De Rosa

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Un fiume di grandine e pioggia lungo la via del paese in Valceno (Parma)

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi