D’Incà (M5S) c’è «Porterò a Roma le istanze emerse»

AURONZO. Federico D’Incà, parlamentare M5S, scarponi ai piedi, s’incammina lungo il sentiero dell’abbraccio. «Sono uno dei 6 mila e sono qui per battermi – spiega – anche per i diritti che vengono...

AURONZO. Federico D’Incà, parlamentare M5S, scarponi ai piedi, s’incammina lungo il sentiero dell’abbraccio. «Sono uno dei 6 mila e sono qui per battermi – spiega – anche per i diritti che vengono inculcati, direttamente o indirettamente, nel nostro paese». Diritti umani? «Nelle carceri sì, ma anche diritti politici: alla trasparenza, alla partecipazione, alla condivisione». E ancora: il diritto alla libertà di stampa, che in Italia non è compiuto, a suo avviso. D’Incà assicura che i messaggi, anzi le provocazioni scaturite dall’abbraccio delle Tre Cime lui le porterà alla Camera. In particolare per quanto riguarda i profughi? «Senza dubbio dobbiamo ripensare, in modo radicale, il sistema di accoglienza», conclude. Magari cercando di coniugare i diritti umani a quelli civili. (fdm)

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il quartiere Duomo vince il Palio di Feltre 2022: il nostro videoracconto

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi