Apre Arredamont: legno protagonista tra tradizione e design

Tra i padiglioni di Arredamont 2015

La fiera di Longarone ospita il Salone dell’abitare e dell’arredare in montagna: proseguirà fino a domenica 8 novembre

LONGARONE. Smontare i vecchi “tabià” in legno per recuperarne le tavole e ricavare arredamenti da interni. E’ una nuova tendenza di quella nicchia di mercato che non ha subito la crisi dell’edilizia, qual è l’arredo per le terre alte. "Si recupera il legno antico, che anzi ha più valore del nuovo – spiega Giorgio Balzan, presidente di Longarone Fiere - dopo la lavorazione, la spazzolatura e i vari trattamenti cui viene sottoposto diventa un materiale di ultima generazione di assoluta qualità".

Inaugurata a Longarone la 38^ edizione di Arredamont, il Salone dell’abitare e dell’arredare in montagna che proseguirà sino a domenica 8 novembre. 180 gli espositori, su un’area di 17 mila metri quadrati, quest’anno finalmente tutti occupati, dopo edizioni, quelle della crisi, che lasciavano qualche vuoto.

L’arredo di montagna è affare soprattutto dei piccoli artigiani, veri artisti del legno. La grande industria non vi si cimenta. A Longarone, in sostanza, sono schierati tutti gli specializzati del settore, dalla Valle d’Aosta fino all’Austria. Se l’immobiliarismo si è fermato per anni, da Cortina alla Val Pusteria le seconde casa hanno continuato a registrare grandi investimenti: da bene rifugio. E come dimostrerà la rassegna di Longarone con le innovazioni sempre più prepotenti: dal legno declinato in diverse filiere produttive (nei mobili ma anche nell’oggettistica), al risparmio energetico, ad un design avveniristico perfino per i rifugi in quota, o per musei come quello della grande guerra sulla Marmolada.

"Le ambientazioni di montagna sono molto spesso giocate su un equilibrato mix, originato da istinto genuino piuttosto che da meditata riflessione" sottolinea Balzan. Il sindaco di Longarone, Roberto Padrin, si dice sicuro che Arredamont sarà la vera cartina di tornasole della ripresa. Nel corso delle nove giornate di Arredamont non mancheranno incontri e momenti di approfondimento su temi diversi e sempre accattivanti, come la presentazione in anteprima del libro “Case di Montagna – Arredamento e Interior Design".

Arredamont è aperta il venerdì, i sabati e le domeniche dalle 10 alle 20, da lunedì a giovedì dalle 15 alle 20.00, giornate in cui è consentito l’ingresso gratuito per gli ultrasessantacinquenni e in forma ridotta per tutti gli altri visitatori.

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi