«Le calamità ci fanno perdere 25 giornate produttive all’anno»

Gosaldo fa i conti dei disagi provocati alla popolazione dagli eventi avversi e corre ai ripari Mezzo milione di euro verrà investito per acquistare macchine operatrici e far fronte alle emergenze

GOSALDO. Ridurre le giornate improduttive annue dei cittadini da 25 a 5. È l’ambizioso obiettivo dell’amministrazione di Gosaldo che ha approvato in giunta il progetto mirato principalmente alla difesa del suolo e alla cura dell’ambiente, ma anche volto a migliorare l’offerta di mobilità sul territorio. Il tutto attraverso l’acquisto di mezzi e attrezzature.

Il progetto ammonta a 500 mila euro che saranno coperti con il contributo dei Fondi per i comuni di confine (annualità 2013). Il Comune guidato dal sindaco Giocondo Dalle Feste acquisterà un autocarro fuoristrada Unimog dotato di lama sgombraneve anteriore, un trattore agricolo dotato di rimorchio con cassone ribaltabile, braccio idraulico decespugliatore, vomero sgombraneve anteriore e spargisale posteriore, un automezzo polifunzionale di soccorso (da destinarsi ad uso dei vigili del fuoco volontari del distaccamento territoriale di Gosaldo), un’autovettura tipo pick-up dotata di doppia cabina, trazione integrale e cassone porta-materiali.

Un parco macchine che, secondo la giunta gosaldina, sarà in grado «di provvedere alle attività ordinarie e straordinarie di difesa del suolo, tutela e manutenzione del territorio e garanzia della mobilità montana nonché al pronto intervento a fronte di eventi calamitosi (copiose nevicate, valanghe lungo la viabilità con isolamento dei paesi, alluvioni, frane, incendi)».

Oltre a garantire la difesa del suolo e il miglioramento ambientale, con i mezzi il Comune vuole quindi di tutelare la sicurezza delle persone, degli immobili e delle cose e le infrastrutture primarie (strade) attraverso un’efficace manutenzione invernale ed estiva.

«Vogliamo poter intervenire tempestivamente in caso di calamità naturali quali eventi alluvionali, copiose nevicate, franamenti, allagamenti, incendi boschivi ed incendi di edifici – dice la giunta – e garantire l’accessibilità ai paesi e alle molte frazioni del vasto territorio comunale in tutte le stagioni dell’anno».

Fra gli effetti diretti e indiretti che, secondo l’amministrazione comunale, potranno concretizzarsi con l’acquisto dei mezzi, ci sono il miglioramento dell’accessibilità ai paesi e alle numerose frazioni e, di conseguenza, anche una maggiore continuità di lavoro per le attività produttive e i servizi pubblici.

«La crescita complessiva del paese – spiega la giunta – è infatti legata alle accresciute opportunità di un regolare svolgimento delle attività produttive e dei servizi. Si stima che nelle recenti annate le giornate di lavoro andate perdute per colpa di eventi calamitosi siano dell’ordine di 25 all’anno nei territori comunali interessati, pari dunque a circa il 10% delle giornate produttive annue. Grazie al rinnovato parco mezzi si stima che le giornate improduttive possano essere ridotte a 5 con un incremento dell’8% circa delle giornate produttive annue».

Gianni Santomaso

Frullato di fragole, carote e semi oleosi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi