Lite in pizzeria gli imputati si incolpano l’un l’altro

AGORDO. Testimonianze opposte quelle rese ieri davanti al giudice Cittolin, in tribunale a Belluno, dai due imputati Plamen Hristov Chekerdekov (classe 1977, bulgaro, difeso dall’avvocato Sonia...

AGORDO. Testimonianze opposte quelle rese ieri davanti al giudice Cittolin, in tribunale a Belluno, dai due imputati Plamen Hristov Chekerdekov (classe 1977, bulgaro, difeso dall’avvocato Sonia Sommacal, che si è costituito anche parte civile con Mauro Gasperin chiedendo circa 20 mila euro di risarcimento) e Mohamed Tahar Ben Tajeb (classe 1978, tunisino, difeso dall’avvocato Mina Ombretta Ponticello).

Il primo era il cuoco, l’altro il pizzaiolo in una pizzeria di Agordo. Nel 2009 i due sono venuti alle mani. Secondo Chekerdekov sarebbe stato Ben Tajeb a rifilargli un pugno al collo, procurandogli lesioni definite guaribili in 50 giorni. Inverso il racconto del collega: secondo il pizzaiolo, infatti, sarebbe stato il cuoco a sferrargli un pugno in faccia facendolo cadere a terra «e questo perché non aveva digerito la lite che c’era stata tra noi nel pomeriggio. Io sono andato subito dopo il lavoro al Pronto soccorso, mentre lui è andato dopo qualche giorno».

L’avvocato Ponticello ha evidenziato che l’episodio «sarebbe da remissione da querela», facendo presente che, qualora Chekerdekov ottenesse il risarcimento, si riserverà di promuovere un’azione civile.

Frullato di fragole, carote e semi oleosi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi