Arabba con i locali aperti grazie ai cantieri in paese

Tanti operai a pranzo e a cena e sotto il Boè si torna a lavorare anche a novembre L’Aft mobilita i soci dopo la richiesta della Sofma che sta edificando la cabinovia

LIVINALLONGO. Bar e ristoranti in funzione anche a novembre ad Arabba grazie ai tanti cantieri aperti. Il presidente dell’Aft Manuel Roncat: «Abbiamo cercato di dare una risposta alle richieste delle aziende».

Ai piedi del Boé si parla da anni di garantire anche nel fuori stagione, in particolare ad Arabba, la possibilità di trovare un locale pubblico aperto, bar o ristorante, dove il residente o il turista di passaggio possano fermarsi per mangiare o bere qualcosa.

Un problema che ha spesso sollevato polemiche e discussioni. È successo spesso infatti nel passato a novembre che corriere di turisti di passaggio si siano dovute rifugiare in qualche piazzale per un “bisogno” o proseguire verso qualche località vicina per mangiare un boccone perché ad Arabba tutti i locali erano chiusi.

Un biglietto da visita non certo positivo per una località turistica, come più volte è stato fatto notare. Una lacuna che, almeno per quest’anno, sarà colmata grazie ai diversi cantieri aperti nel paese che necessitano di ristoranti dove far pranzare e cenare gli operai.

Nei giorni scorsi l’associazione turistica Arabba Fodom Turismo ha inviato a tutti gli associati un calendario con gli orari di apertura dei locali pubblici e negozi che saranno aperti anche a novembre.

Non è proprio il coordinamento auspicato da anni, ma è un passo avanti, come spiega il presidente Manuel Roncat.

«L’input ci è arrivato dalla Sofma, la società che gestisce gli impianti del Portavescovo, dove è in costruzione la nuova cabinovia Portados. Fino a dicembre si prevede che ci saranno dai 30 ai 50 operai che ogni giorno avranno bisogno di un posto dove pranzare. Ma non è il solo. In paese ci sono diversi cantieri aperti, più o meno grandi. Così è stato chiesto di sentire quali e quanti locali saranno aperti anche a novembre. Abbiamo inviato una mail a tutti i nostri associati che fanno ristorazione per stilare un calendario e dalle risposte avute abbiamo riscontrato che un paio di ristoranti si sono dimostrati disponibili a garantire l’apertura. In particolare la pizzeria Al Tablé ed il Mister X. Quest’ultimo in particolare ha anticipato l’apertura proprio per dare questo servizio».

«Gli anni scorsi a novembre», dice Roncat, «era sempre in funzione la pizzeria Ru de Mont a Renaz, poco più di un paio di chilometri da Arabba. Ma quest’anno resterà chiusa per lavori. Con questo calendario che abbiamo predisposto, tutti saranno informati sui locali aperti».

Questa coincidenza potrebbe essere l’occasione buona per avviare quel coordinamento delle aperture nel fuori stagione di cui tanto si parla da anni anche per il futuro? «Per il momento abbiamo visto che già chiedendo la disponibilità per stilare un calendario siamo riusciti a risolvere, almeno per quest’anno, il problema. Poi certamente quanti hanno deciso di garantire questo servizio alla fine si faranno due conti in tasca. Per il futuro non prenderemo certo la strada dell’obbligo. Ma sensibilizzare sì, questo si può fare».

Questi i ristoranti che saranno aperti: ristorante/pizzeria Al Tablé (Arabba) aperto ottobre e novembre dalle 12 alle 14,40 e dalle 18,30 alle 21. Chiuso il martedì. Hotel Olympia (Arabba) aperto fino al 27 ottobre. Ristorante hotel Malita (Arabba) aperto da 27 novembre. Albergo Alpino (Pieve) aperto fino al 27 novembre dalle 12 alle 14 e dalle 19 alle 20, chiuso il mercoledì sera. Mister X (Arabba) aperto da lunedì dalle 12 alle 14.30. Chiuso sabato e domenica e alla sera. Ristorante/pizzeria Klematys (Pieve) aperto ottobre e novembre dalle 12 alle 15 e dalle 18 alle 22. Ristorante La Baita aperto fino al 3 novembre dalle 12 alle 15. Alla sera su prenotazione.

Lorenzo Soratroi

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Esorcismo al Santuario di Monte Berico: il racconto dei protagonisti

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi