In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Promozione turistica pubblicato ieri il bando

I 16 concorrenti entro il 6 marzo dovranno presentare il piano di marketing che dovrà essere pronto entro sei mesi e dovrà realizzarsi in cinque anni

di Paola Dall’Anese
1 minuto di lettura

BELLUNO. Pubblicato ieri il bando del valore di 100 mila euro per trovare la società che dovrà redigere il piano di marketing della provincia di Belluno per il periodo 2017-2022. Il bando è rivolto alle 16 società che nei mesi scorsi avevano partecipato alla manifestazione di interesse indetta da Palazzo Piloni ed erano state giudicate in possesso dei requisiti richiesti. Le domande dovranno essere presentate entro il 6 marzo. In ballo ci sono i 5,5 milioni derivanti dai Fondi dei comuni confinanti.

I concorrenti dovranno redarre il piano di marketing territoriale, mirato «alla valorizzazione, organizzazione e promozione delle risorse del territorio, tramite interventi e azioni, analisi, progettazioni e proposte per fornire una panoramica esaustiva delle caratteristiche, delle possibilità e dei limiti di tutte le risorse su cui contare», si legge nel bando.

Il piano avrà una valenza di sei anni (dal 2017 al 2022) e dovrà concentrarsi soprattutto sulla promozione dei comuni confinanti con Trento e Bolzano e di quelli a loro limitrofi.

«Nel documento che presenteranno per il bando», precisa la referente provinciale Gabriella Faoro, «i concorrenti dovranno dare delle indicazioni su come intendono sviluppare il piano».

Tre sono le risorse su cui si dovrà lavorare: le risorse attrattive (vale a dire ambiente, cultura, prodotti agroalimentari ed enogastronomici), i servizi di accoglienza primari (alberghi) e quelli di accoglienza complementaria (ristorazione, commercio e quant’altro). «Si dovrà creare una visione condivisa dello sviluppo turistico, superando le logiche competitive interne ai vari territori. Il piano avrà lo scopo, anche di incoraggiare, a partire dal patrimonio di risorse e competenze disponibili, accordi tra soggetti pubblici e privati».

Quattro le fasi in cui si svilupperà il progetto. Dapprima l’analisi territoriale e imprenditoriale, che dovrà evidenziare i fattori attrattivi dell’area e le dotazioni infrastrutturali; seguirà la ricerca di mercato; il terzo step prevede la stesura del piano vero e proprio, che dovrà essere condiviso in progress con il committente; quarto, la società vincitrice e il territorio si confronteranno per capire le esigenze delle singole aree. Il piano sarà definitivo a sei mesi dalla firma del contratto. Quindi per settembre dovrà essere pronto il progetto definitivo. Poi sarà la Provincia a incaricarsi di metterlo in pratica tramite dei bandi per aggiudicare i singoli interventi. E la società che ha redatto il piano seguirà i lavori almeno fino alla fine del 2019. «Nel piano si dovrà tenere conto dell’importante appuntamento con i mondiali di Cortina».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori