Il progetto: piazza e spazi culturali

Il Comune ha un’idea ambiziosa per riqualificare lo spazio in via Feltre

BELLUNO. A vent’anni dalla realizzazione del parcheggio nell’area che ospitava il mercato ortofrutticolo, il Comune valuta un restyling complessivo della zona. È un progetto ambizioso, che si punta ad inserire nel piano di rigenerazione urbana contando esca un altro bando come quello che porterà nel capoluogo 18 milioni di euro.

«L’idea è quella di smontare la struttura del parcheggio, di realizzare un’area di sosta sotterranea e di riqualificare tutto lo spazio al piano terra creando una piazza», spiega il sindaco Jacopo Massaro. «Le strutture fatiscenti in fondo all’area di sosta vorremmo trasformarle in contenitori per la cultura. La piazzetta a quel punto diventerebbe un luogo nel quale svolgere rassegne teatrali, spettacoli, ma anche uno spazio aggregativo per il quartiere».

Nelle strutture retrostanti, infine, «stiamo dialogando con l’associazione Bellunesi nel mondo per realizzare il museo triveneto dell’emigrazione».

«In via Feltre manca un punto di aggregazione. Realizzando una piazza, un luogo per attività, si creerebbe un fattore aggregante per la comunità», prosegue il sindaco. «Inoltre l’accordo fra Usl e Comune prevede lo spostamento degli uffici amministrativi dell’azienda sanitaria nel complesso dell’ospedale San Martino. Un parcheggio così ampio diventerebbe eccessivo».

Fino a qualche anno fa l’area dell’ex Moi era molto frequentata dagli automobilisti. Nel palazzo dell’Usl di via Feltre c’erano molti servizi che oggi sono stati trasferiti in ospedale e la richiesta di stalli è decisamente calata. Inoltre spostare la struttura sopraelevata nel posteggio del San Martino risolverebbe la cronica carenza di parcheggi all’ospedale.

L’idea non è stata inserita nel piano di rigenerazione urbana perché non era ancora stata definita nei dettagli. Ci si lavorerà per approfittare dei futuri bandi. (a.f.)

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi