Danni alle colture dalla fauna selvatica: «Pochi risarcimenti»

I cinghiali arano i campi, cervi e caprioli brucano i germogli. «Sui prati restano solo le erbe velenose per le vacche»