In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

La strada del Fadalto resterà chiusa per molti giorni

Ieri nuovi sopralluoghi dei tecnici Anas lungo la statale. Riapertura ipotizzata non prima del fine settimana

1 minuto di lettura
FADALTO. Resta ancora chiusa la statale Alemagna dopo la frana di mercoledì scorso. Ci vorranno ancora diversi giorni per completare le opere di messa in sicurezza e per poter quindi arrivare alla riapertura della strada, ripristinando la normale viabilità verso Vittorio Veneto.

«Ho sentito i tecnici dell’Anas», ha affermato ieri sera il comandante della Polizia locale di Vittorio Veneto, Ezio Camerin, «e mi hanno confermato che la strada sarà riaperta per il fine settimana o addirittura l’inizio della prossima».

L’unica strada percorribile per collegare l’Alpago al Vittoriere sarà dunque ancora per i prossimi giorni l’autostrada A 27.

Per tutta la giornata di ieri sono continuate le verifiche tecniche e le attività di coordinamento con altri enti. Le operazioni hanno riguardato la rimozione del materiale franato nel tratto di strada statale Alemagna compreso tra i km 21,400 e 21,900 e gli interventi di messa in sicurezza del versante interessato dallo smottamento che si estende fino ad un’altezza stimata di circa 1000 metri.

Anas si è coordinata con il personale di Autostrada per l’Italia, la frana del volume di oltre 6000 metri cubi ha infatti invaso la strada di servizio per l’ispezione dei ponti autostradali, posta immediatamente a monte della strada statale.

Attraverso apposite ispezioni effettuate sul versante sono state verificate le condizioni dei compluvi presenti nell’area che sono risultati tutti interessati da significativi depositi di materiale detritico, anche di notevole dimensioni.

Tanto materiale comporterà dunque tempi maggiori per la rimozione e la messa in sicurezza.

«Dopo la pulizia della strada saranno posizionati dei rilevatori per capire se la montagna si muove ancora, impedendo così altri distacchi», hanno fatto sapere ieri i tecnici dell’Anas.

L’obiettivo intanto è quello di arrivare alla riaperta iniziale della strada con un un senso unico alternato regolato da impianto semaforico, in attesa di una riapertura completa. (f.g.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.
I commenti dei lettori