Grotta azzurra di Mel, pienone e disagi

Ieri le auto parcheggiate alla rinfusa hanno ostruito la strada. Problema segnalato da giorni

MEL. Scoperta dalle masse grazie ad un post su Facebook, da settimane la Grotta Azzurra è invasa di persone. Tutti accorrono per visitare un angolo di paradiso ai piedi del castello di Zumelle, ma per arrivare alla grotta si devono attraversare terreni privati e inoltre manca un parcheggio per le auto. Per la verità quello del castello di Zumelle non è lontano, ma i visitatori preferiscono lasciare la macchina a bordo strada. Occupando, di fatto, l’unica via di collegamento con il castello.

Basterebbe un po’ di accortezza per evitare disagi ai residenti e a chi deve muoversi lungo quella strada. Ieri, però, qualcuno ha posteggiato sulla corsia di marcia lasciata libera dalle altre auto in sosta. E ha ostruito completamente la strada, costringendo chi doveva passare ad attendere un’ora e mezza, come è stato denunciato sulle pagine Facebook “Coordinamento turistico Villa di Villa” e “Grotta azzurra Mel” (dalle quali provengono le fotografie che pubblichiamo). La foto del parcheggio improvvisato è diventata virale e ha acceso l’attenzione su un problema che, prima o poi, dovrà essere preso in mano dall’amministrazione comunale. Come quello dell’accesso stesso alla grotta azzurra, che in alcuni punti presenta dei tratti pericolosi. Operazioni che renderebbero maggiormente fruibile, in sicurezza e riducendo i disagi per i residenti a Villa di Villa, un sito di straordinaria bellezza.


 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi