Clivet partner della Cina contro lo smog

L’azienda di Villapaiera fornirà le pompe di calore per un progetto sperimentale di riduzione degli impianti a carbone

FELTRE. Efficienza energetica e rispetto ambientale della Clivet al servizio del Governo cinese contro lo smog. Arriva dall’azienda feltrina un contributo per alleggerire il problema dell’inquinamento atmosferico in Cina. Ieri è stato firmato l’accordo tra Clivet e la Commissione affari rurali di Pechino, rappresentata dai ministri Su Weidong, Wang Hailong, Li Bo, Li Yuanhe, Tian Zhibin, Wang Yizhong, Song Zhongkui all’interno del progetto del Governo cinese per il passaggio “dal carbone all’energia pulita”, in particolare per abitazioni in ambito rurale.

La delegazione cinese ha apprezzato molto anche la silenziosità dei prodotti, grazie agli interventi fatti per la riduzione del rumore e le vibrazioni delle macchine. La cooperazione prevede l’impiego dei sistemi in pompa di calore condensati ad aria di Clivet nei villaggi pilota dei distretti di Changpin, Huairou e Chaoyang. Si andranno a sostituire generatori a carbone per favorire l’utilizzo delle pompe di calore, il Governo cinese incentiverà questo tipo di soluzione e l’azienda feltrina lo assisterà in tutte le operazioni.

Le due parti collaboreranno per migliorare l’efficienza energetica delle pompe di calore al fine di ridurre il consumo di energia e i costi di gestione nell’intero ciclo di vita dell’impianto.

L’abbattimento dell’inquinamento è una delle priorità del Governo cinese e in termini di capacità di gestione della qualità dell’aria, Clivet è un punto di riferimento. «È un accordo che dà molta soddisfazione e anche prestigio all’azienda per essere stata scelta dal Governo cinese per le pompe di calore e soprattutto per l’efficienza e il rispetto ambientale», commenta il direttore dello stabilimento Luca Martini. «È fondamentale che qualcuno con impianti adeguati faccia degli interventi per portare benessere a chi vive in città come Pechino».

La stessa delegazione cinese ha spiegato che tra gli investimenti dei proprietari di edifici a Pechino, la priorità è proprio il trattamento dell’aria, perché chi ci vive sa quanto sia inquinata quella città. Clivet fornirà gli impianti e di conseguenza anche l’assistenza delle macchine attraverso la rete commerciale di Midea, il gruppo cinese che un anno fa ha acquisito l’80 per cento dell’azienda.

Si parla di un’operazione di rilievo, ma che risvolti avrà nella produzione dello stabilimento feltrino, «oggi non siamo in grado di dirlo. Stiamo lavorando ancora all’omologazione, all’adeguamento dei prodotti per le abitazioni cinesi», dice Martini. «Avere un supporto così importante dal Governo cinese è fondamentale, però che questo si traduca in capacità produttiva piuttosto che in posti di lavoro, è prematuro per dirlo».

Raffaele Scottini

©RIPRODUZIONE RISERVATA.
Video del giorno

Dopo l'eruzione del vulcano sottomarino, a Tonga le onde colpiscono la costa

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi