Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Palestra di roccia di Cortina: l’apertura fissata nel mese di maggio

Ormai mancano da espletare pochi adempimenti. I gestori sperano che possa essere inaugurata il primo

CORTINA. Palestra di roccia: a maggio l’apertura. E indicativamente potrebbe essere anche il primo il giorno dell’entrata in funzione della nuova struttura di Sopiazes. Una data ipotizzata dai nuovi gestori, in attesa della consegna ufficiale dell’impianto da parte del Comune, ancora non avvenuta. Se infatti tutti i collaudi tecnici sono stati fatti ed hanno avuto esito positivo, manca ancora quello amministrativo, come spiega Francesco Fregnan, responsabile unico del procedimento per l’oper ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CORTINA. Palestra di roccia: a maggio l’apertura. E indicativamente potrebbe essere anche il primo il giorno dell’entrata in funzione della nuova struttura di Sopiazes. Una data ipotizzata dai nuovi gestori, in attesa della consegna ufficiale dell’impianto da parte del Comune, ancora non avvenuta. Se infatti tutti i collaudi tecnici sono stati fatti ed hanno avuto esito positivo, manca ancora quello amministrativo, come spiega Francesco Fregnan, responsabile unico del procedimento per l’opera del Comune.

«Rimane ancora da rilasciare il certificato di agibilità, e per quello attendiamo che la direzione lavori depositi la Scia antincendio ai Vigili del fuoco di Belluno, cosa che dovrebbe avvenire a giorni. Appena depositata, sarò io stesso a rilasciare il certificato di agibilità, e subito dopo verrà emesso il collaudo amministrativo. Nella peggiore delle ipotesi, a metà aprile sarà tutto a posto, e a maggio i gestori potranno aprire la palestra».

I nuovi gestori sono entusiasti di affrontare questa avventura. Domani si incontreranno con la giunta comunale per la data di stipula del contratto di gestione, e per definire ancora alcuni dettagli dello stesso

«Durante l’incontro con gli assessori avremo la possibilità di capire alcune cose che non sono specificatamente scritte nel bando, quali l’uso e la manutenzione della parte esterna, la biblioteca, un ufficio all’interno. Dobbiamo capire chi fa che cosa e quanta parte di ulteriore investimento sarà a nostro carico», spiega Davide Alberti, guida alpina e Scoiattolo di Cortina, mandatario della futura società di capitali a responsabilità limitata semplice che gestirà la palestra nei prossimi quattro anni.

Gli altri soggetti sono: Filippo Menardi, Pierfrancesco Smaltini, Natasha Alexander, Michele Titon, Lucia Montefiori, Bruno Sartorelli.

Inizialmente si era presentato anche Massimiliano Bauce, che avrebbe dovuto curarsi della parte di bar e ristorazione, ma che ha poi rinunciato.

«Il bar verrà gestito da noi con un paio di dipendenti. Noi come soci avremo tutti la stessa quota, al 10%. Il nostro intento è fare lavorare la struttura, non vogliamo guadagnarci, in fondo abbiamo più o meno tutti un altro lavoro. Non sappiamo poi quanto renderà la palestra, in quanto non è mai stato fatto un piano economico di gestione, ma solo preventivi ipotetici. L’importante però ora è aprire».

Alberti crede nelle potenzialità della nuova struttura.

«Il posto è strategico, la struttura è molto bella, la zona perfetta, anche se c’è bisogno di fare dei lavori: innanzitutto il ponte di accesso e un parcheggio adeguato. Per il resto, a breve dovrebbe essere completato il nuovo parco giochi del Comune; ci sono poi il tennis, il parco avventura e tanto verde, il che rende l’area perfetta per le famiglie».

La struttura inoltre, secondo Alberti, sarà molto utile anche per i turisti. «All’interno sono previste una biblioteca dell’alpinismo, un ufficio per dare informazioni, una zona wi-fi. I numerosi spazi offrono tante possibilità alla gestione».

Non resta quindi che attendere maggio per poter finalmente usufruire della nuova struttura, costruita dal Comune interamente con fondi propri, per un investimento pari a 3,3 milioni .

Marina Menardi