Museo di Castellavazzo la gestione va agli scalpellini