Pren, Vignui e Cart tre interventi per rendere sicure frane e strade

Il Comune di Feltre utilizza 220 mila euro della Protezione civile per fronteggiare i danni causati alla viabilità dalla tempesta



Formalmente non è più emergenza, ma di fatto gli somiglia. Il Comune di Feltre lancia tre interventi di messa in sicurezza da dissesti idrogeologici che si sono verificati in occasione della tempesta Vaia di fine ottobre. Si tratta di frane che si sono verificate a Pren, Vignui e in via Romanella, quest’ultima è la strada che collega il viale di Cart alla frazione di Vellai. Lavori per i quali il Comune ha già pronti i progetti preliminari e che la giunta di lunedì ha avvalorato dando il via all’iter che negli obiettivi dovrà portare alla conclusione dei tre interventi prima della fine del 2019.


«Si tratta di mettere in movimento l’iter progettuale che porterà via due, tre mesi», spiega l’assessore ai lavori pubblici Adis Zatta, dopodiché contiamo di aprire i cantieri non appena possibile».

Sono opere interamente finanziate con i fondi stanziati dalla Protezione civile in base al pesante conto dei danni che il Comune di Feltre aveva presentato dopo il maltempo di fine ottobre. Il totale complessivo ammonta a 222 mila euro, tutto compreso.

PREN

È la situazione che ha la precedenza, se non altro perché lungo la strada che da Pedavena sale alla frazione transitano i mezzi pubblici che trasportano gli studenti. Per questo l’auspicio dell’amministrazione comunale è quella di sfruttare la finestra estiva con le scuole chiuse per eseguire i lavori in un periodo in cui la chiusura della strada al traffico comporterebbe disagi limitati.

«A Pren, nelle vicinanze dell’abitato», spiega Zatta, «si è verificato il cedimento della banchina stradale con erosione di parte della carreggiata. Le soluzioni prospettate per risolvere il problema sono due: la prima prevede il supporto del lato a valle con dei gabbioni riempiti con i sassi; l’alternativa prevede di realizzare un cordolo di cemento con l’utilizzo di micropali. Sarà il tecnico a dirci qual è la più efficace. Inoltre vogliamo approfittare per allargare la carreggiata portandola a sei metri arretrando anche il lato a monte». L’importo del progetto è di 73 mila euro.

VIA ROMANELLA

Anche qui si è verificato un cedimento della strada e la soluzione pensata dall’amministrazione comunale punta sull’ingegneria naturalistica: «L’idea è di posizionare delle arcie, un intreccio di legno e pietra per consolidare la strada grazie all’uso di materiali di risulta», aggiunge l’assessore ai lavori pubblici. Qui il costo è di 59 mila euro.

VIGNUI

Con i suoi 90 mila euro è l’intervento più corposo sul piano finanziario. Per capirne l’importanza bisogna tornare indietro di qualche mese quando una frana aveva costretto a chiudere la strada al traffico. Una condizione che unita all’instabilità della strada che sale da Pedavena a Pren rischiava di lasciare tre frazioni isolate. Il crollo dalla parete rocciosa aveva richiesto un intervento urgente di pulitura. Il prossimo passo sarà il disgaggio della parete e il posizionamento di rete fissata con chiodi per evitare futuri problemi.

MARTEDì SERATA A CART

Prosegue il tour frazionale di sindaco e giunta. Martedì 21 alle 20,30 l’appuntamento è al Lobion di Cart per incontrare la popolazione. Una serata importante in quanto anche il viale di Cart è stato interessato dai danni della tempesta Vaia, ma qui intervenire è più complesso a causa di un vincolo. Sarà l’occasione per spiegare la situazione ai residenti, nonché per fare un resoconto dell’attività amministrativa. —


 

Frullato di fragole, carote e semi oleosi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi