Il batterio Chimaera non c’entra con la morte di Costa