In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Tenta l’affare in internet ma la macchina non c’è

G.S.
1 minuto di lettura

SEDICO. Mai vista quella Giulietta. Un affare mancato sul sito www.subito.it costa una denuncia per truffa e falso ideologico a I.V., un 52enne domiciliato nel Veneziano. La vittima del raggiro, invece, è un 48enne di Sedico, che si era fidato e ci ha rimesso 1.900 euro, senza ricevere niente in cambio.

Il meccanismo è quello collaudatissimo in chissà quante truffe, che poi approdano in un’aula di tribunale e nella stragrande maggioranza dei casi finiscono con una condanna. I.V. è accusato di aver messo in vendita una Giulietta Gtv al costo di 1.900 euro in rete. Un appassionato di Sedico cercava quel modello, il prezzo gli sembrava interessante e ha deciso di comprarla, seguendo con cura tutte le istruzioni, che poi sono sempre quelle: un versamento su una carta Postepay.

Il cliente è andato all’ufficio postale a fare l’accredito e ha cominciato ad aspettare un riscontro dal venditore. Un segnale che non è mai arrivato, al di là dell’incasso dei soldi. Quando ha perso la speranza di vedere la macchina, è andato dai carabinieri a presentare una querela. Nel frattempo, I.V. aveva tentato di passarla liscia, denunciando la clonazione della propria carta. Come dire: non sono stato io. —

G.S.

I commenti dei lettori