Parco Rimembranza, servono 200 mila euro

Avviato un piano per sistemare i parchi cittadini con nuovi giochi: determinanti le donazioni del volontariato

FELTRE

Tanti nuovi giochi nei parchi pubblici, per la gioia dei bambini. È in corso un piano di rinnovamento di diversi spazi di divertimento ed aree verdi avviato dal Comune, ma che vede impegnate anche varie associazioni con una serie di donazioni di attrezzature ludiche. Si sta concludendo una profonda riqualificazione del parco del Boscariz, è stata ammodernata l’area giochi al Pasquer e nel 2020 nascerà un nuovo parco pubblico a Mugnai.


Capitolo a parte riguarda il parco della Rimembranza, per cui è stato quantificato in 200 mila euro l’importo per farlo rinascere, sulla base del computo fatto insieme agli alpini. «C’è un lavoro articolato di fondo dell’amministrazione sul ripristino dei parchi, a cui si aggiunge la sensibilità delle associazioni», sottolinea l’assessore Adis Zatta. «Nella politica manutentiva avevamo avviato un percorso per la progressiva riqualificazione dei parchi gioco e delle aree verdi, poi c’è stata la tempesta Vaia e si sono dovute riprogrammare le lavorazioni, perché alcuni spazi sono stati pesantemente danneggiati».

PARCO RIMEMBRANZA

Dopo il significativo intervento di rimozione delle ceppaie degli alberi sradicati da Vaia, di sistemazione del terreno e messa in sicurezza da parte dei volontari della protezione civile dell’Ana, il Comune ha inserito la sistemazione del parco nel programma triennale delle opere pubbliche per l’anno prossimo. Le modalità dell’intervento andranno studiate anche con gli alpini, che a loro volta si sono mossi nella raccolta fondi e si sono impegnati per il ripristino definitivo dell’area. Si va oltre ai danni causati dalla tempesta, nella lista quindi ci sono la recinzione, la piantumazione di nuove piante, l’arredo.

BOSCARIZ

È stato rimesso a nuovo un parco che era particolarmente degradato. Prima il Comune, grazie a un contributo di 46 mila euro, ha acquistato una struttura per arrampicata, un grande anello inclinato per giochi di equilibrio e tre panchine. Poi c’è stata la donazione da parte del comitato “La terra trema il cuore no” di una altalena, un castelletto, due giochi a molla, un saliscendi, una giostrina e un canestro a tre uscite. In più, il Csi ha comprato un canestro da basket.

PASQUER

Nell’ambito della riqualificazione del parco pubblico in via Cismon, è stato appena montato dal Comune un castelletto nuovo al posto di quello vecchio in legno.

MUGNAI

È una delle frazioni più popolose e non ha un parco giochi, per cui verrà realizzata un’area per i bambini e di incontro per famiglie con l’inserimento di attrezzature per il divertimento dei piccoli e di panchine. La zona individuata è tra il campo sportivo e la scuola, con l’intenzione di sviluppare la progettazione nel 2020 per un intervento da 50 mila euro.

VIA GARIBALDI

Al giardino davanti all’ex Seminario vescovile ha pensato l’associazione Tilt, che ha acquistato otto panchine in legno e ghisa. —


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il pestaggio del giornalista alla cena dei calciatori della Roma

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi