Contenuto riservato agli abbonati

Due medici in meno al Trasfusionale: a rischio i prelievi e il centro di Agordo

La presidente dei donatori di sangue Gina Bortot durante l’assemblea dell’Abvs: «Faremo di tutto per salvaguardare una eccellenza della sanità bellunese» 

Nubi fosche si stanno addensando sulle donazione di sangue ma anche sulla intera operatività del Centro trasfusionale dell’ospedale San Martino e degli ospedali di Agordo e di Pieve di Cadore. A fine anno va in pensione uno dei quattro medici in servizio a Belluno in questo momento, il dottor Pirola. A fine aprile altro importante pensionamento, quello del direttore del dipartimento trasfusionale, Stefano Capelli.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Milano, vigile in borghese spara un colpo in aria: disarmato da un gruppo di ragazzi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi